Abbiamo ancora tutti negli occhi la straordinaria cavalcata di Emma Raducanu agli US Open, campionessa a Flushing Meadows a 18 anni e dopo un percorso iniziato dalle qualificazioni. Ma il ritorno in campo dopo la sbornia si rivela una doccia gelata. La britannica cade all'esordio a Indian Wells contro la bielorussa Aliaksandra Sasnovich (n. 100 Wta), che si impone con un netto 6-2 6-4. Un match costellato di errori quello della classe 2002, partito ad handicap contro un'avversaria piuttosto in palla. Nel secondo set, Raducanu prova a scuotersi centrando il primo break dell'incontro e salendo 4-2, ma poi la luce si spegne e il match vola via.

Raducanu incanta alla "prima" di 007: il red carpet di Emma

Queste le sue parole in conferenza stampa dopo la sfida: "Probabilmente lei è stata sotto 2-4 centinaia di volte mentre per me è solamente la terza partita in un torneo WTA. Devo abituarmi alle nuove condizioni, ho giocato un match serale solamente una volta sull’Ashe, per cui non ho molta esperienza. Sono contenta che sia successo quello che è successo, domani analizzerò la partita e potrò ripartire da capo prendendo da lezione questa esperienza". Il torneo, che doveva già fare i conti con le assenze pesanti di Barty, Sabalenka, Osaka e Serena Williams, perde subito una delle sue protagoniste più attese.
WTA, Indian Wells
Indian Wells, il tabellone: Giorgi parte dal secondo turno
05/10/2021 A 07:56

Emma Raducanu, la top 5 dei colpi più belli

US Open
Il passante di Raducanu, è l'allungo decisivo
11/09/2021 A 23:04
US Open
Capolavoro Raducanu, dalle qualificazioni al trionfo: Fernandez ko
11/09/2021 A 19:55