“Sono felice, quante ne abbiamo passate, vamooos!”. Potremmo già chiuderla così, con il ruggito della Leonessa che a 36 anni, dopo una settimana incredibile, esulta davanti alle telecamere del centrale di Rio de Janeiro: Francesca Schiavone batte Shelby Rogers 2-6, 6-2, 6-2 e a praticamente 3 anni dall’ultima volta, torna a vincere un titolo WTA.
E’ stata un’impresa inaspettata quella della Schiavone e, giusto dirlo, arrivata oltre le più rosee aspettative. L’azzurra si è resa infatti protagonista di una settimana incredibile, con le battaglie vinte agli ottavi e quarti di finale a Mariana Duque-Marino e Cindy Burger; con la grande prova in semifinale contro Petra Martic ma soprattutto col successo di oggi, arrivato in rimonta – per la prima volta in carriera in una finale – alla Rogers.
Roland Garros
Le 10 partite più belle della storia del Roland Garros
25/05/2021 A 12:00
L’americana era partita meglio, dimostrando un tennis più tonico e non lasciando presagire nulla di buono per una Schiavone che inizialmente faticava a reggere lo scambio prolungato. Poi, però, la musica è clamorosamente cambiata, con la Leonessa capace prima di trovare un serbatoio extra di energie e brava poi nel minare tutte le certezze di un Rogers via-via meno incisiva e sempre più fallosa. Ed è stato così, allora, che dal break in apertura di secondo set a favore dell’americana, la partita è girata: 6 giochi a 1 Francesca per riportare il match in parità; e un netto 6-2 nel decisivo terzo parziale, dove ad aver costantemente dato l’idea di essere in controllo dell’intera situazione è sempre stata l’immortale Schiavone.
Insomma, dopo la cocente delusione di Melbourne e quel record di sessantadue Slam consecutivi sfuggito di un nulla (impresa che le avrebbe permesso di eguagliare la giapponese Ai Sugiyama), Francesca ha saputo ancora una volta mettersi tutto alle spalle e volare a Rio, con caldo e umidità da paura, per prendersi un trionfo da applausi.
Un successo, questo, che ci ricorda, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la straordinaria generazione di fenomeni che ha popolato il tennis femminile italiano nell’ultimo decennio. Se è vero infatti che alle spalle di queste ragazze non c’è praticamente nulla, altrettanto lo è che queste protagoniste, nonostante le impietose carte d’identità, hanno ancora qualcosa da dire. Da Robertina Vinci fresca di Top10 e di best ranking in carriera a Sara Errani – vincitrice ieri a Dubai di un torneo che mette ufficialmente fine al periodo no – fino appunto a Francesca Schiavone, capace in una sola settimana di guadagnare 38 posizioni e tornare, quando nessuno più se l’aspettava, tra le prime 100 mondo. Da lunedì la Leonessa sarà numero 94. E di questo ritmo, nell’amata Parigi, ci arriverà ancora una volta con le proprie gambe… altro che wild card!
WTA, Roma
Il padre di Camila Giorgi: "Quella giudice non era neutrale"
12/05/2021 A 09:31
Roland Garros
Sinner, i motivi per sognare la vittoria contro Nadal
06/10/2020 A 05:00