Festa (anche) italiana oggi, venerdì 21 maggio, a Lisbona, in Portogallo, al termine della gara valida come qualificazione olimpica nella staffetta mista del triathlon: uno degli ultimi tre posti disponibili per portare ai Giochi automaticamente due uomini e due donne da schierare in questo format e nelle prove individuali in programma a Tokyo, infatti, è stato arpionato dall’Italia, seconda alle spalle del Belgio, Alle Olimpiadi anche la Svizzera.
L’odierna staffetta mista si è disputata su distanza super sprint (quattro frazioni da 0.3 km a nuoto, 7.2 km di ciclismo e 1.8 km di corsa): la vittoria è andata al Belgio di Claire Michel, Jelle Geens, Valerie Barthelemy e Marten Van Riel in 1:23:58, ma con un ritardo di 50″ la volata per la seconda piazza è stata vinta dall’Italia di Angelica Olmo (Carabinieri), Gianluca Pozzatti (707), Alice Betto (Fiamme Oro) e Nicola Azzano (Carabinieri), con quest’ultimo capace di bruciare all’arrivo la Svizzera di Alissa Konig, Andrea Salvisberg, Nicola Spirig e Max Studer, con quest’ultimo che ha accusato lo stesso ritardo degli azzurri al traguardo, pur venendo battuto negli ultimi metri. L’italiano e l’elvetico erano già comunque certi della qualificazione, dato che la Norvegia, quarta classificata, ha tagliato il traguardo ad oltre un minuto dal terzo posto. Gioia grande anche per le due riserve azzurre in terra lusitana, ovvero Verena Steinhauser (Fiamme Oro) e Delian Stateff (Fiamme Azzurre).
Ottenuta la qualificazione, i tre Paesi in questione dovranno avere due uomini e due donne tra i primi 140 del ranking olimpico per confermare i quattro pass ottenuti, ma si tratta di una pura formalità per l’Italia, che invece potrebbe addirittura completare il contingente al femminile portando una terza azzurra in gara nella prova individuale qualora alla chiusura del ranking olimpico, prevista il 14 giugno, ci siano tre italiane tra le prime trenta. Più difficile che questa eventualità si realizzi tra gli uomini.
Tokyo 2020
Il triathlon a Tokyo 2020: qualificati e calendario
09/03/2021 A 15:16
Ad inizio maggio erano stati assegnati i primi 28 pass per i Giochi Olimpici nel triathlon a seguito della chiusura del periodo di qualificazione tramite il ranking per quanto concerne la staffetta mista, che aveva consegnato ai primi sette Paesi in graduatoria il biglietto per le Olimpiadi: si tratta di Francia, Australia, USA, Gran Bretagna, Nuova Zelanda, Germania e Paesi Bassi. A questi vanno aggiunti i 4 pass individuali già riservati di diritto al Giappone, Paese Ospitante. Non ce l’aveva fatta la Nazionale azzurra, che oggi, nella gara lusitana, ha affrontato altri 14 Paesi per i tre posti a disposizione, ovvero Canada, Belgio, Svizzera, Spagna, Messico, Ungheria, Brasile, Portogallo, Russia, Repubblica Ceca, Danimarca, Austria, Irlanda e Norvegia, mentre il Sudafrica, inizialmente iscritto, ha rinunciato alla partecipazione.

ORDINE D’ARRIVO QUALIFICAZIONE OLIMPICA STAFFETTA MISTA

1 Belgio (Claire Michel, Jelle Geens, Valerie Barthelemy, Marten Van Riel) 1:23:58
2 Italia (Angelica Olmo, Gianluca Pozzatti, Alice Betto, Nicola Azzano) 1:24:48 +00:00:50
3 Svizzera (Alissa Konig, Andrea Salvisberg, Nicola Spirig, Max Studer) 1:24:48 +00:00:50
4 Norvegia (Lotte Miller, Kristian Blummenfelt, Solveig Løvseth, Gustav Iden) 1:25:50 +00:01:52
5 Danimarca (Alberte Kjær Pedersen, Emil Holm, Sif Bendix Madsen, Henrik Klemmensen) 1:26:12 +00:02:14
6 Spagna (Anna Godoy Contreras, Fernando Alarza, Miriam Casillas García, Antonio Serrat Seoane) 1:27:49 +00:03:51
7 Portogallo (Melanie Santos, Joao Silva, Helena Carvalho, Joao Pereira) 1:28:05 +00:04:07
8 Austria (Julia Hauser, Alois Knabl, Sara Vilic, Lukas Hollaus) 1:28:28 +00:04:30
9 Repubblica Ceca (Tereza Zimovjanova, Radim Grebík, Petra Kurikova, Jan Volar) 1:28:39 +00:04:41
10 Messico (Claudia Rivas, Crisanto Grajales, Cecilia Perez, Irving Perez) doppiato
11 Russia (Valentina Riasova, Ilya Prasolov, Anastasia Gorbunova, Igor Polyanskiy) doppiata
12 Canada (Emy Legault, Aiden Longcroft-Harris, Dominika Jamnicky, Martin Sobey) doppiato
13 Irlanda (Chloe Pollard, Kieran Jackson, Maeve Gallagher, Ian Manthey) doppiata
14 Ungheria (Zsófia Kovács, Csongor Lehmann, Zsanett Bragmayer, Bence Bicsák) doppiata
15 Brasile (Djenyfer Arnold, Miguel Hidalgo, Vittoria Lopes, Manoel Messias) doppiato
Tokyo 2020
Storica Duffy, primo oro di sempre per Bermuda
27/07/2021 A 03:52
Tokyo 2020
TRIATHLON DEL MASSACRO, VINCITORE PORTATO VIA IN SEDIA A ROTELLE
26/07/2021 A 00:37