Siamo giunti ormai alla vigilia della 36ma edizione dell’America’s Cup. Da domani Luna Rossa ed Emirates Team New Zealand si affronteranno in una serie al meglio delle tredici regate: serviranno sette vittorie per aggiudicarsi il trofeo.
Martedì si è svolta ad Auckland l’attesa conferenza stampa a cui hanno preso parte Peter Burling (timoniere di Te Rehutai), Max Sirena (skipper di Luna Rossa) e Patrizio Bertelli, patron del Team Prada Pirelli. Proprio il noto imprenditore, da sempre grandissimo appassionato di vela, ha preso la parola per primo:
Non si può mai essere tranquilli in situazioni come questa. 21 anni fa eravamo ancora qui per la finale. Non possiamo sapere esattamente quale sarà la velocità delle barche, molto dipenderà anche dalle condizioni del vento. C’è tanta aspettativa nei nostri confronti, forse anche inaspettata. Ma sappiamo che è pur sempre uno sport, non un’ossessione“.
America's Cup
Novità su date, sede e partecipanti: New Zealand tace, Luna Rossa aspetta
12/10/2021 A 12:47
Il presidente si è poi soffermato sulla grande compattezza raggiunta dal gruppo dopo lunghi anni di lavoro:
Ci sono stati dei momenti in passato in cui non siamo stati attenti come lo siamo ora, come ad esempio a San Francisco. Se metti insieme cento persone, non è affatto detto che riesci a creare una squadra. Negli ultimi 20 anni abbiamo lavorato proprio per creare una vera squadra. Abbiamo tanti giovani con noi, ai quali vogliamo trasmettere il know-how acquisito“.

Da "Siamo Italiani" a "Po-po-po": Luna Rossa tricolore

America's Cup
America's Cup e uno stallo infinito: dove e quando la prossima?
11/08/2021 A 15:37
America's Cup
Rivoluzione in acqua: nascono i chase boat a idrogeno
08/06/2021 A 16:08