Altre 24 ore di vento leggero nel Mediterraneo nella terza e ultima tappa della Ocean Race Europe hanno visto le flotte VO65 e IMOCA 60 comprimersi in modo significativo mentre si spingevano verso il traguardo di Genova, in Italia. In particolar modo nella classe IMOCA 60, con il gruppo di coda – 11th Hour Racing Team (USA), LinkedOut (FRA), Bureau Vallée (FRA), CORUM L'Épargne (FRA) – che ha iniziato a progredire risalendo alle spalle dall'Offshore Team Germany (GER).
Alle 2 della scorsa mattina, Stanjek (team Germany) e il suo equipaggio erano davanti al gruppo di 180km, mentre ieri pomeriggio il vantaggio è stato quasi dimezzato a 107 km. L'11th Hour Racing Team battente bandiera americana ha guidato la rimonta cavalcando una nuova brezza che ha visto gli yacht accelerare a velocità costanti per la prima volta nelle ultime 48 ore.
"Stiamo cercando di spingere forte", ha detto Stanjek a bordo della barca tedesca. "Ma è molto difficile su questa costa. Nel complesso, sono molto contento di aver navigato con un grande vantaggio sul resto della flotta. Non ci resta che disputare la nostra regata e portarla a casa sani e salvi. Ma dobbiamo rimanere concentrati, non è scontato".
Vela
Ocean Race: i leader se ne vanno, ma la gara è ancora aperta
16/06/2021 A 07:53
"Stiamo navigando su queste macchine oceaniche all'interno del Mar Mediterraneo" - ha detto Charlie Enright dell'11th Hour Racing Team - e non c'è molto vento. Devi spremere ogni grammo di prestazione perché se ti fermi potresti anche non ripartire più. Quindi è davvero complicato, devi rimanere al gioco".
https://i.eurosport.com/2021/06/14/3153581.jpg

VO65

Ma più avanti, i sette yatch della classe VO65 hanno continuato a sfruttare al meglio le condizioni di vento e sono arrivati a 185km da Genova. Il Sailing Team Poland VO65 era ancora in testa mercoledì pomeriggio, anche se con un vantaggio drasticamente ridotto sui rivali più vicini come il Team Childhood I (OLA) e il Racing Team (POR) della Fondazione Mirpuri.
Lo yacht battente bandiera polacca ha guidato la classe VO65 per la maggior parte di questa terza tappa, e ad un certo punto aveva un vantaggio di 50 km sul gruppo, ma ieri pomeriggio quel divario è stato ridotto a meno di 9 chilometri. Con meno di 111 km da percorrere per arrivare a Genova, solo 48 km separano il primo dal settimo posto, e le due inseguitrici Childhood I e Mirpuri Foundation Ocean Racing sono pronte a sfruttare qualsiasi errore per balzare in testa.
"Siamo riusciti ad allontanarci da Maiorca e Minorca con i polacchi, anche se erano in testa di 10 miglia e sono riusciti a staccarsi dal resto del gruppo di quasi 20 miglia…" ha spiegato Yoann Richomme a bordo della barca della Fondazione Mirpuri. "La fortuna può girare e per arrivare a Genova è ancora lunga".
Will Harris dell'AkzoNobel Ocean Race: "La Polonia che era 22-23 miglia davanti a noi la scorsa notte, mentre ora è scesa a 13 miglia. Ci saranno ancora tante opportunità prima dell'arrivo a Genova".
Ci sarà una copertura in diretta degli arrivi di Genova sulle piattaforme YouTube e Facebook di The Ocean Race e su www.theoceanrace.com.
Puoi seguire l'andamento su www.theoceanrace.com e www.twitter.com/theoceanrace

Bruni: "Luna Rossa tornerà, più forte di prima"

The Ocean Race Europe

IMOCA 60

1. LinkedOut 9 points
2. Offshore Team Germany 9 points
3. 11th Hour Racing Team 9 points
4. CORUM L' Epargne 6 points
5. Bureau Vallée 3 points

VO65

1. Mirpuri Foundation Racing Team 11 points
2. AkzoNobel Ocean Racing 11 points
3. Sailing Poland 10 points
4. The Austrian Ocean Race Project 9 points
5. Team Childhood I 8 points
6. AmberSail-2 7 points
7. Viva México 5 points
Tokyo 2020
Silvia Zennaro ancora in lotta per il podio nei Laser Radial
5 ORE FA
Tokyo 2020
Camboni scivola al terzo posto, Maggetti giù dal podio
IERI A 11:32