Mikel Azcona si sta preparando per la prossima stagione del WTCR − FIA World Touring Car Cup dopo che nel 2020 ha corso e vinto una marea di gare TCR.
Il 24enne ha regalato alla nuova CUPRA Leon Competiciónla prima vittoria nel Mondiale nella WTCR Race of Spain dello scorso novembre.

Al MotorLand Aragón il portacolori della Zengő Motorsport ha aggiunto un'altra affermazione alle 10 dell'anno, che lo ha visto prendere parte a 32 eventi tra WTCR, TCR Europe, TCR Italy e Campeonato de España Resistencia in 11 weekend totale, 8 dei quali consecutivi.

Quanto è stato bello correre così spesso?
"Mi è piaciuto molto perché ero in pista quasi ogni giorno e questo è molto buono perché puoi migliorare. Allo stesso tempo, soprattutto con la situazione del COVID-19, servivano più ore di viaggio. Quando arrivavo a casa lavavo le tute, pulivo tutti i vestiti e il giorno dopo volavo alla gara successiva. C'era stress, ma mi è piaciuto molto perché amo questo sport. Infatti, vorrei correre ogni fine settimana se potessi!".

Tante gare in diverse serie significano tanti cambi di vettura. Com'è stato?
"Nel WTCR ho guidato la CUPRA Leon Competitión, così come nel TCR Italy. Nel TCR Europe e CER avevo invece il precedente modello. Anche se c'era una macchina diversa ogni fine settimana, onestamente non è stato difficile per me. Conosco abbastanza bene il vecchio modello avendola condotta per quattro anni. È stato anche più facile nel TCR Europe perché era la stessa macchina che avevo nel WTCR 2019. La nuova CUPRA è un'auto molto diversa e stavo ancora imparando i set-up e come preparare la macchina in modo perfetto. Ma, allo stesso tempo, una delle cose migliori come pilota è che posso abituarmi alla macchina molto velocemente e andare forte in minor tempo".

Esattamente, com'è la nuova Cupra rispetto alla vecchia?
"Ci sono molte piccole cose differenti, come i freni, che sono di un'altra marca; le pastiglie danno una sensazione diversa. Abbiamo il cambio Hewland e il modo di cambiare le marce è più delicato. Abbiamo anche più deportanza quindi siamo più veloci nelle curve ad alta velocità. Con il vecchio modello facevamo fatica lì per via del sottosterzo. La nuova macchina è anche più stabile perché è cinque centimetri più lunga tra l'asse anteriore e posteriore. Si fatica meno di quanto si faceva con il vecchio modello e si possono regolare molte più cose con l'assetto. Ma bisogna capirlo. Inoltre avevamo anche i nuovi pneumatici Goodyear. Non abbiamo fatto alcun test pre-stagionale queste gomme, siamo andati a Zolder per la prima gara del WTCR. Anche se è stato molto difficile, alla fine ero felice perché ho finito la stagione con un ottimo feeling e quasi un assetto perfetto. Questo è molto buono in vista della stagione 2021".

Che cosa hai mangiato e bevuto in genere per far fronte all'intensificazione del tuo programma?
"Ho un preparatore fisico che mi ha suggerito cosa potevo mangiare e bere. Normalmente prendo cibi altamente proteici come il pollo, e carboidrati per l'energia, cose come la pasta. Ho anche bevuto molto aquajuice, una bevanda tipica spagnola, solo per essere idratato".

Ti sei mai stancato?
"L'ultimo fine settimana di gara, la prova finale del Campeonato de España Resistencia ad Aragon, ho avuto un problema. Ero nella mia stanza a dormire, ma alle cinque del mattino ho avuto un gran male allo stomaco e la domenica ho vomitato. Però ho dovuto fare entrambe le gare per vincere il campionato con il mio compagno di squadra Evgenii Leonov. È stato un giorno molto difficile per me, non avendo mangiato ed essendo privo di energia. Però dovevo correre e abbiamo conquistato il titolo. Dopo 11 fine settimana, il mio corpo si sentiva un po' stanco, ecco la ragione per cui mi sono sentito così ad Aragón".

C'era molta tensione mentale?
"Nel WTCR molta, devi essere ben preparato e concentrato. È più difficile per i piloti, ma riesco a gestire molto bene questo aspetto e non ho avuto problemi".

Qual è stato il momento migliore del tuo anno?
"Ne ho avuti due. Il primo quando ho vinto la seconda gara ad Aragón col WTCR. È stato merito di un sacco di ore di lavoro con il mio ingegnere e la mia squadra, in modo da migliorare rapidamente. Mi ricordo che a Zolder sono andato davanti alla TV dopo le qualifiche e ho visto che ero ultimo. E' stata una sensazione molto brutta, ma la situazione era così. Quindi, vincere nel WTCR dopo tutto questo è stato molto difficile e quando ci si riesce in una gara di un campionato del mondo, dopo aver iniziato la stagione come abbiamo fatto noi, è incredibile. L'altro momento migliore è stato vincere entrambe le gare del TCR Europe a Spa sotto la pioggia, in condizioni molto difficili, dalla 13a posizione. È stato pazzesco perché non avevo mai vissuto una cosa del genere. Mentalmente è stata fantastica, dopo Zolder ero a casa mia a pensare, 'Mikel, forse non sei più al massimo livello, sei in lotta per la 20a posizione'. Quindi, il risultato a Spa mi ha dato una buona motivazione".

Per il 2021 cosa hai in programma?
"Cercherò di continuare nel WTCR. Questo è il mio obiettivo e mi sto allenando molto duramente. Se possiamo iniziare il 2021 come abbiamo finito il 2020, possiamo lottare per il vertice, e di conseguenza per il campionato alla fine dell'anno. Direi che è sicuro al 95%, questo è l'obiettivo".

Il 2020 di Mikel Azcona

28-29 agosto: CER Valencia (Spagna)
12-13 settembre: WTCR Zolder (Belgio)
24-26 settembre: WTCR Nürburgring Nordschleife (Germania)
10-11 ottobre: WTCR Slovakia Ring (Slovacchia)
17-18 ottobre: WTCR Hungaroring (Ungheria)
22-24 ottobre: TCR Europe Spa-Francorchamps (Belgio)
31 ottobre-1 novembre: WTCR MotorLand Aragón (Spagna)
6-8 novembre: TCR Europe Jarama (Spagna)
14-15 novembre: WTCR MotorLand Aragón (Spagna)
21-22 novembre: TCR Italy Imola (Italia)
28-29 novembre: CER MotorLand Aragón (Spagna)
WTCR
Vervisch: “Sono partito alla grande”
12 ORE FA
The post Azcona non si vuole fermare e punta al titolo WTCR nel 2021 appeared first on FIA WTCR | World Touring Car Cup.
WTCR
Azcona vince anche ad Imola
IERI A 13:31
WTCR
Coronel vince in Brasile
27/07/2021 A 05:31