Dopo aver terminato il WTCR - FIA World Touring Car Cup 2020 al terzo posto in classifica generale con una prestazione in stile Davide contro Golia, Jean-Karl Vernay è determinato per il 2021.
"Sono sempre più forte quando sono in difficoltà. L'anno scorso, non avevo alcun contratto da ufficiale e avevo bisogno di mostrare il mio potenziale"
Avendo firmato con Hyundai Motorsport terminata l'avventura con Romeo Ferraris, il francese correrà sia nel Pure ETCR che nel WTCR con la nuovissima Hyundai Elantra N TCR gommata Goodyear.

Il trentatreenne - il cui curriculum include periodi di corse con monoposto, GT e, più recentemente, TCR - farà coppia con Luca Engstler nell'Engstler Hyundai N Liqui Moly Racing Team, la squadra con sede in Germania di proprietà del padre di Luca, Franz, vincitore nel WTCC.

Una nuova stagione, una nuova squadra e una nuova auto, sei carico per il 2021?
"È davvero fantastico e un'opportunità meravigliosa. Hyundai sa come vincere il titolo WTCR, lo hanno già conquistato due volte ed era un'opportunità che non potevo perdere, in modo da continuare a imparare ed essere più forte. Dopo l'anno scorso, quando abbiamo fatto qualcosa di veramente incredibile con Romeo Ferraris, questo è come il passo successivo e sono molto eccitato. Non vedo l'ora di capire dove siamo rispetto agli altri concorrenti".

Sei sempre stato determinato a rimanere nel WTCR - hai passato tre anni buoni...
"Prima di entrare nel TCR non pensavo che avrei fatto gare con le auto a trazione anteriore. Poi ho fatto il TCR e il WTCR, e i primi anni del WTCR sono stati incredibili, ho sempre voluto rimanere. L'anno scorso, grazie all'aiuto di molte persone siamo stati in grado di essere in pista e ho anche fatto molti sforzi per esserci. Questo dimostra quanto sia importante per me, mi piace molto la competizione, è una delle serie più forti del mondo, la visibilità è grande e ho un ottimo rapporto con il promotore, Eurosport Events. Voglio stare qui".

Nonostante le difficoltà che hai affrontato l'anno scorso eri in lizza per il titolo, quindi questo ti dà ancora più motivazione per quest'anno?
"È stato abbastanza sorprendente quello che abbiamo fatto nel 2020 e penso di essere sempre più forte quando sono in difficoltà. L'anno scorso non avevo alcun contratto da ufficiale e avevo bisogno di mostrare il mio potenziale. Penso di essere stato al massimo in questo caso. Ma, in realtà, sapevamo che sarebbe stato impossibile vincere il titolo. Ora sono con tre compagni di squadra, come le altre squadre, abbiamo una nuova macchina, che è forte, e l'obiettivo è quello di vincere il titolo. Sono felice e fiducioso, e anche la Hyundai ha fiducia in me. Speriamo di vincere tutte le serie in cui sono coinvolto, PURE ETCR, WTCR e anche la 24 ore del Nürburgring. È un bel segno di fiducia da parte di Hyundai e ora ho solo bisogno di ottenere risultati per ringraziarli".

Come dici tu la Hyundai Elantra N TCR è una macchina nuova, ma può essere una macchina vincente?
"Dipende da un sacco di cose, ma Hyundai Motorsport Customer Racing ha fatto un lavoro fantastico nello sviluppo della vettura ed è abbastanza sorprendente da guidare. Ora dobbiamo vedere perché non siamo stati in grado di confrontarci con gli altri ragazzi, quindi dobbiamo aspettare. Ma la squadra ha fatto un ottimo lavoro. Dobbiamo sfruttare ogni cosa nel miglior modo possibile. Non si ha mai abbastanza tempo ma sicuramente saremo pronti per la prima gara".

Iniziare la stagione sul Nordschleife ti preoccupa o carica?
"Per me, è molto eccitante. Ho un po' di km alle spalle sul Nordschleife e abbiamo dimostrato che possiamo essere molto veloci lì".

Avrai una settimana intensa con tutta l'attività in pista del WTCR e altri impegni, in più farai la 24h...
"Sarà una settimana lunga e dura, mi aspetto sia molto faticosa, soprattutto mentalmente perché non ho mai fatto la 24 ore del Nürburgring. Forse sarà la gara più difficile del mondo perché c'è tanto traffico, hai bisogno di concentrazione al 100% a causa della difficoltà della pista. Guiderò la Hyundai i30 N TCR, che è anche una macchina diversa per me. È una bella sfida e sicuramente la mia attenzione sarà su entrambe le gare. È qualcosa di interessante e una buona sfida per dimostrare a me stesso che sono al livello per fare questo tipo di cose, perché avrò un doppio fine settimana per tre volte, visto che poi correrò anche il PURE ETCR. Sarà una bella esperienza per vedere come devo lavorare quando ho un doppio weekend e cosa devo migliorare".

Quali problemi prevedi nel passaggio da PURE ETCR a WTCR?
"È diverso, naturalmente, ma ho già cambiato auto da un test all'altro e la mia qualità principale è l'adattamento. Anche Augusto [Farfus] lo sta dimostrando facendo gare elettriche e altre, ed è subito lì [sul passo]. Siamo piloti professionisti e non possiamo perdere tempo, dobbiamo solo essere pronti per la squadra e pronti a lavorare il prima possibile".

Nel 2021 si torna in Asia, gara "in casa" per Hyundai ad Inje, in Corea del Sud. Quanto sarà bello?
"Non vedo l'ora di viaggiare ancora un po'. Ho corso una volta in Corea per la Bentley, ma era a Yeongam dove c'era il gran premio. Non sono mai stato a Inje ma sarà una novità per tutti. Il fatto che correrò sia nel PURE ETCR che nel WTCR potrebbe essere un vantaggio perché avrò più tempo in pista degli altri e questo è un bene. Sicuramente dovremo essere al nostro meglio per i fan coreani e i fan della Hyundai. Questa gara sarà verso fine stagione e speriamo di essere in lizza per il titolo per ottenere un sostegno extra, per fare ancora meglio".

Quest'anno farai squadra con Luca Engstler nel suo team di famiglia. Come pensi che sarà?
"Ho un ottimo rapporto con Luca. Abbiamo fatto una gara insieme, la 24 Ore di Dubai, e l'abbiamo vinta, quindi partiamo in alto. Lui è giovane, ma non così giovane nelle corse TCR, perché corre già da tre o quattro anni. Ha fatto un sacco di chilometri e ha vinto molti campionati nazionali. Sicuramente mi spingerà e questo è ciò di cui ho bisogno. Come ho detto sono sempre molto bravo quando sono in difficoltà e ho bisogno di questi compagni di squadra che mi spingano molto per mettere alzare il livello. Luca è il ragazzo giusto perché è molto veloce. Certo, ha meno esperienza di Gabriele [Tarquini], Norbi [Michelisz] e me, ma anche lui sarà in lizza per il titolo. Abbiamo una grande squadra con il Team Engstler, abbiamo grandi ingegneri e abbiamo tutti gli strumenti per combattere. Ora abbiamo bisogno di fare il lavoro".

Infine, uno dei tuoi rivali, Tiago Monteiro, ti seguirà quest'anno tramite la sua società di procuratori Skywalker. Come eviterete complicazioni nelle battaglie?
"Abbiamo parlato per molti anni, ma abbiamo iniziato a lavorare insieme solo l'anno scorso. Di sicuro vorrò batterlo come faccio con tutti quelli contro cui corro. L'anno scorso, ho preso un sacco di penalità a causa di errori, ma ho sempre cercato di essere corretto. Niente cambierà fra me e Tiago. Non gli dico cosa stiamo facendo nei test, questo è sicuro. Ma sono molto felice di lavorare con Tiago e la sua squadra perché non è il solo e stanno facendo un ottimo lavoro. Ho fiducia in loro e questa è la cosa più importante per il futuro della mia carriera".
WTCR
Backman felice dei progressi
21 ORE FA
The post WTCR 2021, intervista con Jean-Karl Vernay appeared first on FIA WTCR | World Touring Car Cup.
WTCR
Azcona ad Imola per volare
23/07/2021 A 05:14
WTCR
Anche Guerrieri sarà in azione nel TCR South America
22/07/2021 A 09:49