Non c'è nessuno nel mondo del FIA World Touring Car che abbia vinto più di Yvan Muller. Il 51enne francese detiene ogni record dell'era WTCC, passando poi al WTCR − FIA World Touring Car Cup nel 2018, dove perso il titolo solo all'ultima gara di Macao.
Dopo di che, Muller è passato alla Lynk & Co, dando una mano alla Cyan Racing a vincere il titolo team nel 2019 e aiutando suo nipote Yann Ehrlacher a diventare Campione nel 2020, anno della terribile pandemia.

Ecco le sue parole all'alba di una nuova avventura con la Lynk & Co 03 TCR, che sarà la 13a stagione nel turismo.

Dopo aver vinto così tanto nei FIA World Touring Car, cosa cerchi ancora?
"Mi sono ritirato nel 2016, il 2017 era la mia stagione di riposo e il mio piano era di non tornare. Ma poi quando abbiamo avuto l'opportunità di fare il WTCR con la mia squadra nel 2018, l'ho fatto perché era per il team e perché ho capito che avevo ancora del potenziale e il piacere di farlo, quindi l'ho fatto. Essere con Yann e condividere qualcosa con lui è anche una buona motivazione per farlo".

Quanto è stata speciale la scorsa stagione quando Yann ha vinto il titolo e tu sei arrivato secondo?
"E' stato molto speciale. Da quando ha iniziato a correre questo era il nostro obiettivo e l'abbiamo raggiunto. Credetemi, ero felice di vederlo vincere il titolo. Il mio obiettivo per tutta la stagione era quello, non era di vincere un altro Mondiale io. La ciliegina sulla torta è che sono arrivato secondo, quindi è stato fantastico".

Ora Yann è diventato il re del WTCR; questo cambia il tuo approccio e ti incoraggia ad andare per un quinto titolo FIA World Touring Car nel 2021?
"Non lo so in questo momento. Davvero, il mio obiettivo quest'anno è quello di fare come faccio sempre, cercando di fare del mio meglio e di vedere cosa succede alla fine della stagione".

Guardando indietro, hai il record di essere quasi sempre arrivato nei Top3 in tutte le stagioni del FIA World Touring Car a cui hai partecipato. È un bel risultato...
"Questa è la cosa di cui sono più orgoglioso da quando sono nelle corse. Nella mia prima stagione, 2006, ho finito quarto, poi tutte le altre stagioni a cui ho partecipato sono stato nei primi tre. Questo è stato con un sacco di auto diverse, squadre e Case. Ho anche vinto quattro titoli piloti e abbiamo anche festeggiato alcuni titoli costruttori. Ad un certo punto, con risultati del genere, ti fa pensare che non puoi essere scarso".

Allora, cosa ti rende un pilota di auto turismo così bravo?
"Il mio successo è una combinazione di molte cose, ma non dirò tutto; forse un giorno, ma per il momento lo tengo per me e per i miei compagni di squadra. Ma non c'è nessun segreto, è lavoro, lavoro e ancora lavoro. Questo è quello che si deve fare"

Quanto può diventare un buon pilota Yann, che ha solo 24 anni dopo tutto...
"Questo è difficile da dire in questo momento. Certo, è giovane e la sua esperienza è già grande per la sua età. E la sua vittoria dell'anno scorso lo aiuterà molto, ma sarà il futuro a dircelo".

Ci sono altri due piloti in competizione con la Lynk & Co nel WTCR, Thed Björk e Santiago Urrutia. Come valuti le loro possibilità per questa stagione?
"Thed è già stato campione del mondo e ne ha la capacità, lo sappiamo molto bene. Santi ha mostrato buone cose l'anno scorso nella sua prima stagione e ora deve confermare questo potenziale".

Come stanno andando i vostri piani per la nuova stagione in termini di test?
"Non male, ma durante i test è sempre difficile dire a che punto siamo con le prestazioni perché guidiamo da soli senza altre squadre e non testiamo molto. Vedremo dove siamo come prestazioni nella prima gara".

Quali cambiamenti sono stati fatti per quest'anno?
"Non abbiamo fatto molti cambiamenti perché c'è l'omologazione, abbiamo fatto già due stagioni con la macchina, non c'è molto da fare e non c'è molto che possiamo fare. Sicuramente abbiamo una visione migliore del pneumatico Goodyear, che è stato il più grande cambiamento dell'anno scorso. Impariamo ancora cose, naturalmente, ma abbiamo un anno di esperienza con questa gomma ora".

Per il 2021 ci sarà un calendario più tradizionale e questo significherà un auspicato ritorno in alcune delle sedi classiche mancanti l'anno scorso. Cosa significa questo per te?
"Non vedo l'ora di partecipare alle gare in Asia perché ne abbiamo bisogno. L'anno scorso è stata una stagione particolare, ma spero che le cose possano essere migliori quest'anno. Il WTCR è una serie mondiale e dovremmo andare fuori dall'Europa, quindi spero che sia possibile falo".

Una di quelle sedi classiche è Macao, dove hai vinto due volte nel 2019. Quanto sarebbe bello un ritorno a Macao per te?
"Certo, Macao è uno dei circuiti dove amiamo andare, ma più sei vecchio e più è difficile questo tipo di circuito stradale".

Oltre i tuoi impegni nel WTCR, gestisci anche un tuo team. Cosa è previsto per il 2021?
"Faremo solo la Ligier European Series, il Trophée Andros nelle gare su ghiaccio e i track day, per il resto ci siamo fermati a causa della situazione COVID-19. Ma io sono solo il team manager, non corro. Per i track days prenotiamo alcuni circuiti e si può venire con la propria auto e guidare tutto il giorno o si può noleggiare un'auto mia. È più per divertirsi, ma se le persone vogliono migliorare la loro tecnica, posso aiutare anche in questo. Posso istruirli e allenarli, ma non vado sul sul sedile del passeggero. Potete scoprire tutto su Mracingexperience.com"

YVAN MULLER: SU WTCR FAST TALK IL NON RITIRO DELLA LEGGENDA DEL TURISMO
“Non era previsto che avrei corso ancora. Ma avevamo bisogno di imparare il WTCR per l'arrivo di Lynk & Co nel 2019. Così, ho deciso di fare la mia squadra con Thed Björk in una macchina e mio nipote Yann Ehrlacher nell'altra. L'idea per me era di concentrarmi sulla gestione della squadra, ma lo sponsor in quel momento ha detto 'siamo pronti a sponsorizzare, ma ti vogliamo in una delle auto'. Ho detto, 'se questa è l'unica possibilità per me come squadra di essere nel campionato allora devo rimettermi il casco'. Fortunatamente, Yann ha firmato un contratto con un'altra squadra".

Parte 1:https://www.youtube.com/watch?v=091AmnXsWKc
Parte 2:https://www.youtube.com/watch?v=hVAxFoZ9kUY
WTCR
WTCR Race of Portugal, ecco il programma
8 ORE FA
The post WTCR 2021, intervista con Yvan Muller appeared first on FIA WTCR | World Touring Car Cup.
WTCR
Coronel all’Estoril per aggiungere altro spettacolo su… YouTube
8 ORE FA
WTCR
Backman: “Sono stato veloce e sono felice”
8 ORE FA