L’amore non è mai realmente sbocciato, coi risultati che non arrivano per il Lille di Marcelo Bielsa e l’idillio targato 4-2-3-1, che aveva regalato due vittorie, spezzato dal roboante 3-0 patito nel recupero contro l’Amiens, ma tutti i problemi dei Dogues, che stanno rigettando i dettami tattici del Loco e sono penultimi in campionato con 12pti in 13 gare (con una rosa non eccezionale, va detto), svaniscono dopo la notizia assurda che giunge dalla Francia.

Marcelo Bielsa (Lille) - 2017

Credit Foto Getty Images

La bomba è scoppiata mentre si stavano concludendo le gare odierne della Champions League, a causa di uno stringato e poco chiaro comunicato del Lille, che sui suoi canali social annunciava ”di aver deciso in data odierna la sospensione di Marcelo Bielsa dalle funzioni di allenatore nell’ottica di un’inchiesta interna al club”. Badate bene, Bielsa non è stato esonerato, ma solo sospeso in via temporanea, e questo è ancora più assurdo, perchè di solito i panni sporchi si lavano in casa e tutti quanti hanno pensato a un tentativo di rompere immediatamente i rapporti col Loco, e spingerlo magari a dimettersi. Si attendevano aggiornamenti riguardo a questa decisione, che ha scatenato il caos anche tra gli addetti ai lavori (molti parlano ancora di esonero), e gli aggiornamenti sono puntualmente arrivati, mettendo il Lille in cattivissima luce con stampa e tifosi: stando alle informazioni giunte dal Sudamerica e confermate in questi minuti, infatti, il club avrebbe sospeso Bielsa per aver compiuto un viaggio nel suo continente d’origine senza l’autorizzazione del club.
Ligue 1
Kylian Mbappé sulla copertina di Fifa 21: "Un sogno che diventa realtà"
23/07/2020 ALLE 11:35
Tutto vero e tutto bellissimo, se non fosse che quel viaggio nasce per un motivo ”benefico”: Bielsa è realmente volato in Cile senza autorizzazione, ma l’ha fatto perchè uno dei suoi collaboratori storici, il preparatore atletico Luis Bonini (il Profe), sta lottando tra la vita e la morte per un gravissimo cancro allo stomaco, e potrebbe morire per questa malattia. Insomma, Bielsa voleva dare l’ultimo saluto o comunque constatare di persona le gravi condizioni dell’amico e collaboratore, e si ritrova sospeso da un club che sta tentando di salvare dal baratro della retrocessione con tutte le sue forze: chissà se il Lille, dopo aver conosciuto le reali motivazioni di quel viaggio, tornerà sui suoi passi, oppure se il Loco deciderà di dimettersi dopo questo atto di lesa maestà e scarsa umanità del suo club.
Una cosa è certa, dopo quest’assurda sospensione il rapporto tra Marcelo Bielsa e il Lille non sarà più lo stesso, e la tensione sarà palpabile al momento del ritorno in Francia dell’esperto vate argentino.
(di Marco Corradi, @corradone91)
Leggi tutti gli articoli su Agenti Anonimi
Ligue 1
Incubo Pierre-Gabriel: calciatore del Brest picchiato, la sua auto incendiata
22/07/2020 ALLE 14:04
Ligue 1
Mbappé: "180 milioni per me? Le cifre del nostro mondo sono indecenti, ma questo è il mercato"
13/11/2018 ALLE 13:55