Stefano Pioli lo ha notato subito: diceva di aver visto che gli occhi di Tonali erano "diversi" dopo quest'estate. Ai tifosi è servita qualche partita in più ma ora l'assunto sembra chiaro a tutti. Sandro Tonali è cambiato, e in meglio per fortuna della truppa milanista. La partita contro la Lazio è solo l'ultima di un filotto di prestazioni di livello assoluto da parte del ragazzo di Lodi, che da quando è diventato rossonero a tutti gli effetti - il Milan lo ha acquistato dal Brescia a titolo definitivo - sembra aver trovato dentro di sé una forza e una personalità che prima si erano viste solo a sprazzi.
Erano in tanti la scorsa stagione a storcere il naso: il 20enne dipinto da molti come "nuovo Pirlo" non sembrava avere i numeri e le potenzialità del Maestro, ed erano già in tanti a "bollarlo" come giocatore normale, non adatto al palcoscenico più prestigioso dei top club italiani. Come al solito, i giudizi erano affrettati.
Può essere la sua stagione. Ha fatto vedere di poter essere un giocatore importante, ha margini di crescita enormi. Può diventare un grandissimo". Andriy Shevchenko
Serie A
Le pagelle di Napoli-Cagliari 2-0: Osimhen straripante
UN' ORA FA

Un fuoco nuovo

Il Tonali che stiamo vedendo in questo primo scorcio di stagione (e parliamo di Milan e Under 21) ha un altro fuoco dentro: è difficile descrivere a parole un cambiamento così palpabile. Quello che Pioli ha notato - e che oggi notiamo anche noi - è che il ragazzo ora ha una accresciuta fiducia nei propri mezzi: contro la Lazio non solo Sandro non ha perso un pallone, ma ne ha condotti diversi "fuori dalle secche" con grande personalità, alla Pirlo per intenderci (ma senza fare odiosi paragoni). Destro-sinistro su Leiva e passaggio no-look sulla sinistra. Difesa della palla con il corpo, con due avversari attaccati. Aperture precise con passaggi azzardati nel corridoio. Queste voci il Tonali 2020-21 non le annoverava nel suo repertorio.

Tonali in Milan-Lazio

Credit Foto Getty Images

Si va al suo ritmo

E poi ancora: la fase difensiva. Quello che è saltato all'occhio nel match di San Siro non è stato solo il Tonali "direttore d'orchestra": il Milan segue i suoi ritmi in fase di impostazione, viaggia alla sua velocità con un ritmo alto ma cadenzato. Ma anche in fase difensiva è Sandro a dettare i tempi di uscita del centrocampo, che seguono quelli di un Rebic spesso indemoniato sul primo portatore di palla, sia esso il portiere o il difensore: il fiato sul collo del ragazzino ha asfissiato i vari Lucas Leiva, Luis Alberto, Milinikovic-Savic, rendendo loro pressoché impossibile la fase di costruzione dell'azione della Lazio. Un po' Pirlo, un po' Gattuso? Sì, più anche un pizzico di Gerrard.
Sandro TONALI 7,5: maturazione completata; ordina la mediana, detta il tempo e le ripartenze, con gamba e convinzione. Il nuovo Tonali è l'acquisto più prezioso di questa nuova campagna rossonera. Pagelle Eurosport
Sì perché il Tonali 2.0 ha aggiunto anche lo spunto palla-al-piede al suo repertorio, quello da centrocampista box-to-box: in un paio di occasioni contro la Lazio, Sandro si è preso il campo che gli avversari gli hanno concesso e si è fatto 60 metri palla al piede, dimostrando ottime qualità di conduzione di palla e una forma invidiabile.

Milan di Pioli 2.0

Geometrie, lotta, personalità. Tonali è rinato e con lui il Milan di Stefano Pioli si sta godendo una "seconda giovinezza" non così scontata, dopo i due terremoti estivi Donnarumma-Calhanoglu. Il Milan ha dimostrato di saper trovare tra le pieghe della propria rosa un giocatore in grado di prendersi in mano il centrocampo nel momento in cui l'altro personaggio forte del reparto - Franck Kessié - sta vivendo un momento molto particolare della propria storia rossonera, con un rinnovo che non vuole arrivare e un feeling con il campo (e con i calci di rigore da ritrovare).
Tonali si è preso il Milan - la nuova versione del Milan, un Milan 2.0- , o almeno ha dimostrato di poterlo fare: Pioli se lo gode e chiede agli altri giocatori di assecondarlo. Questo Milan va a vele spiegate perché al timone c'è un giovane con le idee chiare e il passo svelto. Sarebbe un peccato non approfittarne. Contro il Liverpool vedremo se ci siamo sbagliati o se invece stiamo assistendo alla nascita di un futuro campione.

Classifiche e risultati

Serie A 2021-2022, la classifica aggiornata | Serie A 2021-2022, calendario e risultati | Serie A 2021-2022, la classifica marcatori aggiornata

Serie A 2021-22, le 20 formazioni tipo dopo il calciomercato

Serie A
Sarri: "Juve? Cambiare tre giocatori lì era spesa inaccessibile"
2 ORE FA
Serie A
Mou: "Guida e VAR inadeguati, Roma ha dominato meritava di più"
3 ORE FA