Non è mai troppo tardi per reinventarsi. Sembra che Stephan Lichtsteiner abbia preso alla lettera questo vecchio adagio. L'ex terzino destro della Juventus e della nazionale svizzera, infatti, svolgerà uno stage alla "Maurice de Mauriac", azienda di orologi con sede a Zurigo. Lichtsteiner ha sempre avuto la passione per gli orologi e l'orologeria, e, con l'opportunità di questo tirocinio, potrà certamente approfondirla al meglio, come ha spiegato nell'intervista concessa al quotidiano elvetico 20 minuten:
"Mi piace molto questo lavoro, in generale sono sempre rimasto affascinato dagli orologi. Dopo la carriera da calciatore voglio immergermi in questo mondo. Mi piacerebbe conoscere il mestiere: come funziona un orologio, come smontarlo e poi rimetterlo a posto. Spero di ottenere tante informazioni corrette su questo settore. In Svizzera, in particolare, il livello è estremamente alto".
Serie A
Le pagelle di Salernitana-Atalanta 0-1: Ilicic cambia la gara
8 ORE FA
Trecento partite in A e 15 gol tra Lazio e Juve, in estate Lichtsteiner si è ritirato dal calcio con 16 trofei vinti in Italia (tra cui 7 scudetti di fila con la Juve). L'ultima avventura nel mondo del pallone all'Augusta, in Bundesliga. Ora la nuova vita. L'ex difensore chiude l'intervista con una similitudine tra il funzionamento di un orologio e i meccanismi difensivi di una squadra di calcio.
"La difesa è un'arte, proprio come gli orologi. Il normale tifoso spesso non si rende conto di quanto siano importanti le sottigliezze tattiche su un campo di gioco. Spesso è sufficiente girare una piccola vite per ottenere un grande effetto. Questo vale sia per il calcio che per gli orologi".

Pirlo: "Ronaldo? I campioni parlano sul campo"

Calcio
Balotelli-gol in Turchia, l'Adana di Montella vince 3-1
8 ORE FA
Ligue 1
Ancora disordini tra tifosi: Lens-Lille sospesa per 30'
9 ORE FA