Si conclude la sessione mattutina dell’ultima giornata di Coppa del Mondo di canoa velocità di scena a Barnaul, in Russia, con sensazioni agrodolci per l’Italia, che aveva tre imbarcazioni impegnate nelle otto finali di quest’oggi. Il piazzamento sul podio mattutino per la spedizione azzurra arriva da Carlo Tacchini, terzo nella C1 500 maschile. Dopo un passaggio lento dopo i primi 250 metri il ventiseienne di Verbania ha accelerato nella seconda parte, andando a riprendere il lituano Vadim Koborov, l’iraniano Mohammad Nabi Rezaei e il bulgaro Angel Kodinov; l’azzurro chiude con il crono di 1’53”109, lontano dal vincitore Serghei Tarnovschi (1’51”535) ed il ventenne cubano Jose Ramon Pelier Cordova (1’52”377).
Giornata di quarti posti per Agata Fantini. Il primo arriva nella K1 500, dopo essere stata battuta allo sprint dalla croata Anamaria Govorcinovic per 55 millesimi. Una gara molto tirata, in cui le prime quattro erano tutte lì: fra la vincitrice, la portoghese Joana Vasconcelos (1’56”183) e l’azzurra ci sono soltanto 408 millesimi, un’inezia. In piazza d’onore la sudafricana Esti Van Tonder, anche lei beffata sulla linea del traguardo (1’56”218).
Ma dicevamo, per Agata oggi è collezione di medaglie di legno: nella penultima gara di giornata, la K2 200 mista, non va oltre ad un 36”635 assieme ad Andrea Schera, che costringe la coppia azzurra ai piedi del podio. A vincere la gara sono gli svedesi Petter Menning e Melina Andersson in 35”530, avanti ai bulgari Olimpya Dusheva e Denislav Tsvetanov (35”914) e i portoghesi Joana Vasconcelos e Kevin Santos (35”924).
Tokyo 2020
FOX NON DELUDE: ORO E QUARTA MEDAGLIA OLIMPICA NELLO SLALOM
UN GIORNO FA

SPECIALITÀ OLIMPICHE

Nella C2 500 donne, vittoria mai in discussione per le giovanissime cubane Yarisleidis Cirilo Duboys e Katherin Nuevo Segura, che fanno gara a parte e chiudono sul 2’02”371, distanziando di quasi quattro secondi le uzbeke Dilnoza Rakhmatova e Nilufar Zokirova. Terzo posto per le cilene Karen Roco e Maria Mailliard. Nel K2 1000 i tedeschi Felix Frank e Tamas Gesco si prendono il successo in corsia 5 con il tempo di 3’22’121, battendo gli svedesi Dennis Kernen e Albert Petterson, secondi, e confinando al terzo posto la coppia russa Artem Korovin-Alexey Shishkin, mentre la finale del C2 1000 parla ancora cubano con Serguey Torres e Fernando Dayan Jorge, primi in 3’43”167 battendo i tedeschi Felix Gebhardt-Peter Kretschmer e i russi Zakhar Petrov-Kirill Romanov.

SPECIALITÀ NON OLIMPICHE

La C1 500 femminile va alla croata Vanessa Tot, che si impone dalla corsia 4 con il crono di 2’15”330 e superando la ceca Denisa Rahova (2’16”628) e l’uzbeka Gulbakhor Fayzieva (2’19”441). La C2 200 mista va invece ai tedeschi Peter Kretschmer-Ophelia Preller, in 42’018, avanti alla ‘coppia mista’ composta dalla cilena Maria Mailliard ed il moldavo Serghei Tarnovschi, e ai russi Irina Andreeva e Dmitrii Sharov.

Alla scoperta dei talenti della canoa: gli atleti da tenere d’occhio

Tokyo 2020
Doppio impegno per i canoisti azzurri Genzo e Burgo
15/07/2021 A 20:31
Tokyo 2020
SPORT EXPLAINER: Canoa Slalom
08/07/2021 A 18:08