Dalla nobile arte delle Sei Giorni, all’origine dell’UCI Track Champions League nata per dare spettacolo in una disciplina, il ciclismo su pista, che in Gran Bretagna ha generato isterie collettive per le imprese di due Sir, Bradley Wiggins e Chris Hoy, e in molte parti mitteleuropee è fucina di campioni, che sono veri e propri miti nazionali.
È sulla formazione della pista che si fondano i successi del ciclismo inglese su strada e (quasi inversamente) in Italia sono alcuni dei migliori “stradisti” a emergere sul parquet dei velodromi, aderendo comunque, e in termini qui prettamente aerodinamici e posturali, a una polivalenza vincente.
I più famosi pistard italiani, Elia Viviani e Flippo Ganna campioni olimpici e mondiali, sono rispettivamente icone delle volate e delle crono su strada, e non pare nemmeno più un problema fra i più giovani scegliere dove pedalare, oggi che anche nel ciclismo essere fluidi contro i generi è diventato tanto naturale quanto indispensabile.
UCI Champions League
UCI Champions League, tutto quello che c'è da sapere
25/10/2021 ALLE 11:11

Una strada d'oro grazie alla pista

Ce lo conferma Silvia Zanardi, una ragazza del Duemila che è già iridata Juniores su pista e che quest’anno, oltre ai 3 titoli continentali Under-23 nel velodromo di Apeldoorn e all'argento nel quartetto di Grenchen 2021, è stata medaglia d'oro U23 agli Europei di Trento.
Giorni speciali, che ripagano tutti i sacrifici e riscattano i momenti no del passato. L’Europeo su strada, vinto in Italia, è stato la ciliegina sulla torta dopo i successi su pista: pista che mi ha permesso di giungere a Trento nella migliore forma possibile.

Trento 2021: Silvia Zanardi è campionessa europea Under-23

Credit Foto Getty Images

Il ciclismo è mutevole

È qui che s’incontra la velocità fra i chilometri macinati su strada e le curve paraboliche dei velodromi, sposando una cultura multidisciplinare:
Certo che prevale la preparazione su strada rispetto a quella su pista ed è una scelta necessaria, perché in Italia siamo penalizzati dal non avere un velodromo indoor*, ma strada e pista per me sono molto simili e riesco a conciliarle. Le abbino al meglio, anzi non resisto nemmeno alla mountain bike.
* L’unico è a Montichiari, autogestito dalla squadra Nazionale prima dei trionfi olimpici e oggi chiuso per lavori di adeguamento e sicurezza, ndr.
https://i.eurosport.com/2021/11/03/3248032.jpg

Champions League, pensiero stupendo

Silvia Zanardi è nata il 3 marzo 2000 a Fiorenzuola d’Arda e per questo conosce bene il fascino discreto delle Sei Giorni, celebre il comune piacentino per quella Delle Rose al velodromo Attilio Pavesi. Così per lei, con una carriera ancora tutta da costruire, l’UCI Track Champions League è stata un pensiero stupendo diventato realtà:
È vero, ci tenevo molto e quando ho letto l’e-mail d’invito il mio allenatore, Walter Zini, mi ha detto che mi si sono illuminati gli occhi, come quando ai Mondiali di Roubaix è diventata ufficiale la mia convocazione. Per poter competere fra le migliori.

In fuga per lo spettacolo

L’abbiamo anche provocata, chiedendole se per essere così spettacolare, il format della Champions League favorirà gli sprinter contro i pistard più resistenti come lei, specialista dell’inseguimento e della corsa a punti:
Non è vero, ci sono due specialità come lo scratch e l’eliminazione che fanno parte dell’endurance e a cui tengo moltissimo, anche se lo scratch fa gara a sé. E proprio all’insegna dello spettacolo anche nelle gare più lunghe, cercherò di andare in fuga e prendere il giro.

Silvia Zanardi impegnata nella corsa a punti degli Europei Under-23 di Apeldoorn 2021

Credit Foto Imago

Con Miriam Vece e Michele Scartezzini

Silvia Zanardi rappresenterà l’Italia insieme a Miriam Vece (sprint) e Michele Scartezzini (medaglia d’argento con Consonni nella Madison mondiale) all’UCI Track Champions League, la nuova frontiera del ciclismo su pista al varo di Maiorca, sabato 6 novembre in diretta integrale su discovery+ ed Eurosport 1 dal Velòdrom Illes Balears:
Ce la metteremo tutta, siamo fieri di esserci e sono certa che in tutte e tre le categorie faremo la nostra bellissima figura.

Chris Hoy: "I tifosi vedranno i migliori al mondo"

UCI Champions League
Richardson batte tutti nel Keirin e poi... vomita! Sforzo disumano
02/12/2022 ALLE 23:08
UCI Champions League
I motivi per non perdersi la UCI Track Champions League
10/11/2022 ALLE 18:38