Alexey Lutsenko si conferma una delle stelle nel Tour of Oman: il vincitore uscente della corsa in terra asiatica si va a prendere il successo nella seconda tappa con una bellissima stoccata da finisseur. Il kazako dell’Astana chiude a braccia alzate nell’insidiosa frazione con partenza ed arrivo da Royal Cavalry Oman ad Al Bustan (156,5 km).
In quattro in fuga nelle prime fasi di gara: Jerome Baugnies (Wanty-Gobert), Lionel Taminiaux (Wallonie Bruxelles), Aritz Bagues Kalparsoro (Euskadi-Murias) e Preben Van Hecke (Sport Vlaanderen-Baloise). Il gruppo però, come di consueto, gestisce al meglio la situazione. Diverse le salite (brevi ma insidiose) affrontate lungo il percorso. A chiudere il gap è la CCC: si va a decidere tutto sull’ultima salita di Al Jissah.
Attacca in solitaria Lutsenko, il gruppo prova in tutti i modi a chiudere, senza riuscirci: la volata vincente di Alexander Kristoff (UAE Emirates) questa volta vale solo per la piazza d’onore e per conservare la maglia di leader della classifica. Terzo è Ryan Gibbons (Team Dimension Data), mentre chiude quarto l’azzurro Iuri Filosi (Delko -Marseille Provence). Da segnalare i piazzamenti per Sonny Colbrelli (Bahrain-Merida), sesto, ed Enrico Battaglin (Katusha-Alpecin), settimo.
Tour of Oman
Alexander Kristoff vince la prima tappa, quarto Giacomo Nizzolo
16/02/2019 A 11:36
gianluca.bruno@oasport.it
Giro delle Fiandre
Chi è Asgreen? L'uomo che ha battuto due volte van der Poel
04/04/2021 A 23:53
Giro delle Fiandre
Van der Poel sbriciolato: Asgreen vince il Fiandre
04/04/2021 A 08:10