Chi sono i favoriti per la vittoria di questa Vuelta?

"Per quanto riguarda i ciclisti internazionali, i favoriti sono Roglic, Dumoulin e Froome, considerando che questa gara sarà molto importante per lui. Dico anche Richard Carapaz, per lui sarà una sfida visto che Froome è pronto a cambiare squadra. Naturalmente dobbiamo considerare anche Alejandro Valverde, Marc Soler e Enric Mas.’’

Vuelta di Spagna
Da Nibali a Aru: le 10 imprese della Vuelta
20/10/2020 A 22:00

Arrate, Laguna Negra, Tourmalet o il "tuo” Angliru: quale salita sarà decisiva in questa Vuelta?

"Ognuna di queste risulterà decisiva durante la gara, sono tutte tappe davvero complicate. Ma più di ogni altra montagna penso che Tourmalet e Angliru saranno le due più importanti, sarà qui che si potranno verificare le cose che influenzeranno maggiormente l'intera corsa. Sono due montagne diverse ma ugualmente leggendarie, molto dure e caratterizzate da pendenze impossibili. Bisognerà cercare di trarre vantaggio in ogni singola opportunità, l'edizione di quest'anno sarà condizionata da molti fattori e potrà succedere di tutto."

L'ultima di Contador! Il Pistolero stravince sull'Angliru

Sei stato compagno di squadra di Chris Froome per diversi anni: riuscirà a salvare la stagione della INEOS prima di andarsene?

"Quest'anno la Vuelta sarà molto importante per lui. Dopo la sua ultima caduta non è più riuscito a competere ai livelli in cui eravamo soliti vederlo e sono sicuro che lui voglia dimostrare che, a prescindere dall'incidente, sia rimasto sempre lo stesso provando a guadagnare sempre maggiore fiducia."

Froome proprio non va! Ecco il momento in cui si stacca alla 1a tappa del Giro del Delfinato

Nel Giro ancora in corso abbiamo potuto vedere diverse sorprese, su tutte il portoghese João Almeida. Qual è la tua opinione su di lui? Pensi sia un nome da tenere a mente per il futuro?

"Prima della partenza del Giro nessuno si sarebbe aspettato Almeida leader della gara per così tanti giorni ma, nonostante ciò, il suo livello è stato messo in evidenza fin da subito. Il percorso del Giro lo sta aiutando e influenzando molto. Stiamo vedendo cosa è in grado di fare, e la sua squadra lavora unita per un unico obiettivo. Ora sta lottando per il Giro, ma penso anche che sarà un uomo importante per il presente e il futuro di questo sport."

Joao Almeida - Giro d'Italia 2020, stage 15 - Getty Images

Credit Foto Getty Images

L'edizione 2020 della Vuelta durerà tre giorni in meno delle precedenti e, fino al primo giorno di risposo, ci saranno solo una tappa in pianura, quattro di montagna e una di grandi montagne con l'arrivo sul Tourmalet. Sarà un avvio troppo duro per diversi corridori?

"Non credo che sarà così dura, quando si comincia ogni singolo partecipante è ad un buon livello. Questo sport è cambiato molto perché, in passato, le prime tappe permettevano di entrare gradualmente in ritmo. Ora no. Ora bisogna dare il massimo fin dall'inizio con una strategia in grado di alleviare la tensione della prima settimana. Per diverse ragioni è sempre successo che uno dei grandi favoriti abbandonasse la gara per questo. Anche le molte cadute abituali delle prime tappe possono modificare i piani delle diverse squadre."

La Vuelta 2020 si terrà in autunno, con condizioni climatiche molto diverse dall'estate. In tal senso, temperature, pioggia e possibile neve potranno influire sulla prestazione dei ciclisti?

"Certo, e anche in maniera importante. Ci sono molti corridori che vengono influenzati negativamente da queste condizioni climatiche, altri, invece, ne potranno trarre vantaggio. Alla fine sarà come al solito: caldo, freddo e vento possono risultare positivi per alcuni e negativi per altri. Ma con il percorso di quest'anno, penso che sarà il freddo ad influenzare i ciclisti più che in altre occasioni. Tappe come quelle del Tourmalet non sono solite essere affrontate in questo periodo dell'anno."

Hai vinto la Vuelta tre volte, due volte il Giro e due volte il Tour. Quale di queste è la più difficile e perchè?

"Senza dubbio il Tour de France. E' una gara che chiunque vuole vincere dal primo momento in cui diventa un ciclista. Lì, ogni corridore compete al 100% delle proprie possibilità, nessuno ti regala nulla. E' la corsa più complicata e quella che, allo stesso tempo, genera maggior profitto"

Chi è il miglior ciclista di tutti i tempo e perchè?

"Marco Pantani. Non ho mai visto nessuno come lui, quello che era in grado di trasmettere quando correva era qualcosa di straordinario. Per me è il migliore."

Quando Pantani vinse il Giro nel '98: rivivi il duello con Tonkov

Quale corridore spagnolo pensi che possa fare meglio in questa Vuelta?

"Valverde conosce questa corsa meglio di Soler e Enric Mas, ma i giovani possono fare bene e anche se Valverde continua a dimostrarsi in forma, un ciclista come Enric Mas penso che potrà avere meno difficoltà nell'ultima settimana di gara. Abbiamo visto anche al Tour de France come è stato condizionato dalla durata della corsa. Per la Moviestar, penso che Enric Mas possa diventare l'uomo principale, considerando anche che Marc Soler non ha le sue stesse aspirazioni."

Pensi che i corridori che hanno già corso il Tour risciranno ad essere più performanti?

"Avere un periodo di riposo è sempre positivo. Il Tour de France è davvero duro fisicamente ed è necessario recuperare al meglio per fronteggiare una gara come la Vuelta. Chi non ha corso Tour e Giro, invece, avrà poco tempo per entrare in condizione e questo potrà risultare negativo."

Cosa pensi di Pascal Ackermann della BORA-Hansgrohe in questa Vuelta? Potrà giocarsela con Sam Bennett?

"E' un velocista perfetto e di altissimo livello. Conosce cosa vuol dire vincere una tappa nei Grandi Tour ma non sarà il favorito per gli arrivi in volata. Ackermann ha grandi qualità e potrà regalarci davvero dei grandi momenti.Anche Sam Bennett sa come si vince. Un ciclista fantastico dotato di grandi abilità. Con un pizzico in più di fortuna sicuramente non smetteremo di parlare di lui.

Ci sono delle tappe in particolare che aiuteranno a decretare il prossimo vincitore della Vuelta?

"Come ho detto all'inizio, il Tourmalet e l'Angliru sono due tappe molto dure che potranno cambiare l'intera corsa. I favoriti per la classifica generale sapranno che in questi giorni sarà fondamentale non avere cali perchè è qui che si deciderà l'intera corsa."

Alberto Contador domina sull'Angliru

Credit Foto Getty Images

Qual è il tuo momento preferito di quando hai corso la Vuelta?

"Direi l'Angliru del 2017, quando mi sono ritirato dal professionismo. E' stato il momento più emozionante e il ricordo più speciale che ho della Vuelta. L'atmosfera era magica, è un momento che non dimenticherò mai."

Da Irun a Madrid: il percorso della Vuelta 2020 in 3D

Vuelta di Spagna
Da Froome a Roglic: startlist e dorsali della Vuelta
20/10/2020 A 09:59
Vuelta di Spagna
Roglic vince l'UCI Ranking 2020: battuto Pogacar
10/11/2020 A 19:16