Valtteri Bottas si conferma il più veloce anche nell’ultimo turno di prove libere prima delle qualifiche del GP della Cina, terzo round del Mondiale 2019 di Formula Uno. Sul tracciato di Shanghai il finlandese della Mercedes, leader del campionato, è stato l’unico ad infrangere il muro dell’1’33” ottenendo con gomme soft il crono di 1’32″830. Una W10 particolarmente performante nel secondo e terzo settore ha consentito al finnico di ottenere il miglior riscontro delle FP3 e di candidarsi ad un ruolo da protagonista in vista del time attack.
Alle sue spalle seguono le due Ferrari del tedesco Sebastian Vettel e del monegasco Charles Leclerc, rispettivamente a 0″392 ed a 0″418. Seb è stato autore di un paio di errori nell’ultimo tentativo, perdendo molto nel confronto con Bottas nell’ultima parte della pista, dopo aver ottenuto il record nel t-1. Per Leclerc, invece, ancora un set-up non perfetto e le difficoltà di interpretare un circuito su cui l’esperienza probabilmente serve ancor di più che altrove. Sottotono il britannico Lewis Hamilton: il campione del mondo in carica non è andato oltre il quarto posto, rimediando 859 millesimi dal team-mate ed essendo anch’egli poco pulito nel suo ultimo giro. Un Hamilton che è parso non ancora al 100% con la propria macchina ma, conoscendo le sue qualità, non lo si può di certo escludere dalla lotta per la pole-position (qualifiche alle ore 08.00 italiane).
Alle spalle delle due grandi rivali troviamo un ottimo Nico Hulkenberg con la Renault a 1″144, l’Alfa Romeo Racing del finlandese Kimi Raikkonen (+1″416) e un Max Verstappen in difficoltà con la Red Bull, solo settimo a 1″617 dal vertice. La RB15 appare decisamente in difficoltà, come anche il quindicesimo tempo del francese Pierre Gasly (+2″496) conferma. Critica la situazione inoltre per il nostro Antonio Giovinazzi, non in feeling come il compagno di squadra Raikkonen con la C38: 16° tempo per lui a 2″896 dalla vetta. Completano la top-10 la McLaren dello spagnolo Carlos Sainz a 1″680 e le due Toro Rosso del britannico con cittadinanza thailandese Alexander Albon (+1″770) e del russo Daniil Kvyat (+1″953). Albon, purtroppo per lui, protagonista di un brutto incidente nelle ultime battute, uscendo di pista e impattando violentemente contro le barriere dell’ultima curva. Un crash che ha comportato la bandiera rossa delle FP3. Nessuna conseguenza per lui ma i danni riportati dalla propria monoposto lo costringeranno a saltare le qualifiche, salvo miracoli.
GP Abu Dhabi
GP di Abu Dhabi 2022: orari Diretta tv e Live-Streaming
15/11/2022 ALLE 00:05
giandomenico.tiseo@oasport.it
GP Brasile
Leclerc: "Possiamo giocarcela alla pari con la Red Bull, almeno in qualifica"
10/11/2022 ALLE 18:57
GP Brasile
GP del Brasile 2022: orari Diretta tv e Live-Streaming
07/11/2022 ALLE 16:29