Thomas Bach, Presidente del CIO, è in viaggio in Giappone e ha fatto visita alla capitale, per incontrare gli organizzatori e le autorità locali. Il messaggio del numero 1 dello sport mondiale è stato molto chiaro: “Incoraggio tutti i partecipanti all’Olimpiade e gli spettatori a vaccinarsi – se nel frattempo un vaccino dovesse diventare disponibile – per presenziare ai Giochi del prossimo anno”. Bach ha inoltre aggiunto che un “ragionevole numero” di spettatori dovrebbe essere in grado di presenziare agli eventi sportivi, a prescindere dal vaccino.
Il Presidente del CIO non ha usato giri di parole: “Vogliamo convincere quanti più atleti stranieri possibile ad accettare il vaccino”. Lo scorso mese la commissione atleti aveva chiesto a Bach se ci sarebbe stato un obbligo di vaccinazione per gli atleti ed egli aveva risposto: “Non siamo ancora a questo punto. Ogni atleta dovrebbe guardare ai suoi colleghi e prendere in considerazione il vaccino perché la vaccinazione non è solo una misura individuale ma una protezione per la comunità e io penso che ognuno di noi ha una responsabilità in questa crisi nei confronti di tutte le persone che ci circondano”.
Pechino 2022
Il CIO dà l'ok: niente obbligo di mascherina sul podio
3 ORE FA
Va precisato che al momento Moderna e Pfizer hanno annunciato di essere arrivati a buoni risultati con i vaccini che stanno sperimentando, ma non è detto che tutti gli atleti accettino di sottoporvisi. Bach ha affermato che i dottori e il personale sanitario a Tokyo dovrebbero essere i primi a essere vaccinati. Oltre agli undicimila atleti ci sono migliaia di giudici, funzionari, vip e media stranieri pronti a viaggiare verso il Giappone per la rassegna a cinque cerchi.
stefano.villa@oasport.it
Pechino 2022
L'Italia alle Olimpiadi invernali: record, numeri, podi
8 ORE FA
Pechino 2022
Gios (presidente Federghiaccio): "Dai nostri sport vorrei 4 medaglie"
8 ORE FA