Come quattro anni fa quando questa partita valeva un pezzo della qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016. L’Italia ha sconfitto la Turchia per 3-2 (25-19; 17-25; 23-25; 25-16; 16-14) nella bolgia di Ankara dopo 129 minuti di gioco e infila l’undicesima vittoria nella Nations League 2019 di volley femminile: la nostra Nazionale ha espugnato la tana delle avversarie, ha riscattato il ko subito ieri contro il Brasile e si issa al secondo posto della classifica generale con 11 successi e 33 punti, uno in meno delle verdeoro che guidano la graduatoria alla vigilia dell’ultima giornata della fase preliminare.
Le azzurre sono già certe della qualificazione alla Final Six del prestigioso torneo internazionale ma domani potranno lottare per chiudere al comando: le ragazze del CT Davide Mazzanti torneranno in campo alle ore 15.00 per affrontare il Belgio già eliminato: spazio a una sfida a distanza con il Brasile (11 successi, 34 punti) che incrocerà la Turchia, con la Cina (11 vittorie, 32 punti) che affronterà la Serbia e con gli USA (11 successi, 32 punti) attesi dalla Thailandia. La partita odierna è stata semplicemente entusiasmante con molteplici ribaltamenti di fronte, l’Italia ha rimontato dal 2-1 ed è riuscita a fare festa risalendo dal 6-9 nel tie-break e annullando un match-point.
A fare la differenza 18 muri di squadra, 6 aces e 36 errori avversari. Dopo i tanti esperimenti di ieri, Mazzanti ha puntato sul sestetto tipo con Indre Sorokaite nel ruolo di opposto (20 punti, 4 muri, 2 aces), Ofelia Malinov in cabina di regia, di banda Lucia Bosetti (11) e Miriam Sylla (12) che però nel tie-break è stata sostituita da Elena Pietrini (4), al centro Anna Danesi (10 punti, 6 muri) e Cristina Chirichella sostituita da Sarah Fahr nel terzo set, Monica De Gennaro il libero. Alla Turchia, allenata da Giovanni Guidetti, non sono bastate Ebrar Karakurt (22), Godze Yilmaz (19) e Meliha Ismailoglu (17).
Nations League femminile
Volley Nations League: Final Six maschile in diretta tv e Live-Streaming
05/07/2019 A 16:43
LA CRONACA DELLA PARTITA:
Il primo set si apre con una fiondata da posto 4 e un muro di Sylla (1-2), Bosetti si mette in luce con un diagonale (5-5) e Sorokaite risplende con vincente e un muro (8-8). Chirichella trova la stampatone successiva e Sylla di prima intenzione regala il break (10-8) ma un errore al servizio di Danesi e un’invasione di Malinov frenano l’Italia. Si prosegue punto a punto fino al pari a quota 16 quando le azzurre creano lo strappo: invasione delle avversarie, muro di Danesi, missile di Sylla, contrattacco di Bosetti e muro di Chirichella per il 21-17. Le turche vanno in confusione, Syla è perfetta e Bosetti chiude con un ace.
Pallonetto e diagonale di Karakurt intervallati dal muro di Yilmaz in avvio del secondo set (2-5), le padrone di casa continuano a picchiare forte ma un muro di Danesi e un contrattacco di Sylla permettono alle azzurre di rimanere in scia (7-8). Karakurt è scatenata in attacco, Ismailoglu si mette in mostra con un diagonale, Sylla viene murata e le anatoliche volano sul 15-8. Le ragazze di Guidetti controllano la situazione, Sylla commette due imprecisioni e Yilmaz chiude i conti.
Italia show nel terzo parziale: diagonale e mani-fuori di Sylla, pallonetto di Bosetti, attacco di seconda e muro di Malinov, diagonale di Bosetti e 7-3. Le azzurre però non riescono a tagliare fuori dai giochi le avversarie, si portano sul 14-10 col muro di Sorokaite prima delle reazione delle padrone di casa che firmano un perentorio 5-0 (14-15). Proprio in quel frangente arriva lo strappo della Turchia: due errori consecutivi di Sylla, ace di Ismailoglu, diagonale di Yilmaz (16-21). Karakurt poi è perfetta, Sorokaite commette un errore (17-24) ma l’Italia riesce ad annullare addirittura sei set-point con due muri, un ace di Fahr e un paio di errori delle avversarie prima che Karakurt timbri il punto che vale il 2-1.
Mani-fuori di Bosetti, muro di Danesi e Sorokaite per il 7-5 in avvio di quarto set. L’opposto si scatena con un vincente e poi sul suo turno in battuta arriva l’allungo decisivo: due aces e attacco di prima intenzione di Fahr (14-9). Fahr giganteggia con due muri consecutivi (16-12), due vincenti di Bosetti e poi un muro di Sorokaite per il 20-13. Finale di controllo, ace di Bosetti e botta di Pietrini per la chiusura.
La Turchia cerca l’allungo in avvio del tie-break con la parallela di Ismailoglu, il vincente di Karakurt e il mani-out di Yilmaz (1-4) ma l’invasione di Kalac e l’ace di Pietrini permettono di rimanere in scia (4-5). Yilmaz e Karakut allungano ancora una volta (4-7). Karakurt sbaglia, Malinov sigla il muro del 6-7. Sotto 6-9 l’Italia si rimbocca le maniche, sfrutta due errori avversari, Danesi mura Karakurt (9-9) poi Sorokaite sale in cattedra con un contrattacco e un muro (12-10). Danesi conserva il break con un primo tempo (13-11). La difesa delle azzurre è imperfetta, Pietrini viene murata e Ismailoglu regala il primo match-point alla Turchia che però viene annullato dal muro di Pietrini, la stessa schiacciatrice regala il match-point e l’errore di Ismailoglu fa festeggiare l’Italia.