Un sospiro di sollievo. Miriam Sylla, capitana della Nazionale di volley femminile, era uscita dal campo per un infortunio nel match amichevole contro la Serbia a Belgrado di ieri sera che ha visto il successo delle padrone di casa per 3-2 (25-18; 23-25; 24-26; 25-22; 16-14).
La schiacciatrice, costretta quindi ad abbandonare il campo per una distorsione alla caviglia sinistra a causa di uno scontro fortuito con la compagna di squadra Sarah Fahr nel corso del secondo set, aveva destato preoccupazioni visto che l’inizio delle Olimpiadi di Tokyo è vicino: venerdì prossimo è prevista la partenza per il Giappone.
Tokyo 2020
Blengini: "Essere a Tokyo è un orgoglio e una grande responsabilità"
12 ORE FA
Per fortuna, nulla di grave per la giocatrice azzurra. Come comunicato dalla Federvolley, Sylla si è “sottoposta a esami diagnostici che hanno escluso lesioni dell’apparato osteo articolare della caviglia sinistra. La capitana azzurra ha riportato un trauma distorsivo di basso grado“.
Una notizia lieta per la Nazionale di volley femminile che quindi potrà contare sull’apporto della schiacciatrice dell’Imoco in vista dell’appuntamento più importante e atteso.

Sylla in esclusiva: il capitano della Nazionale si racconta

Tokyo 2020
Juantorena: "Vittoria importante. Il mio polso? Sta bene"
13 ORE FA
Tokyo 2020
Michieletto: "Felicità doppia per questa vittoria contro l'Iran"
13 ORE FA