Giù il cappello davanti a Stan Wawrinka: da ormai diversi mesi lo svizzero è ben lontano dalla forma migliore e il suo ritorno ad alti livelli si allontana in maniera pericolosa. Al recente torneao ATP di Marsiglia lo svizzero si è però reso protagonista di un'azione molto nobile: dopo essersi ritirato ad inizio secondo set contro Ilya Ivashka, "Stan the Man" ha comunicato all'organizzazione del torneo di voler rinunciare del tutto all'ingaggio pattuito per il torneo. Il motivo lo spiega Jean-François Caujolle, direttore dell'Open, in un’intervista rilasciata a L’Equipe, rivelando anche che non è la prima volta che Wawrinka compie questa scelta:
Stan pensava di non aver svolto pienamente il proprio ruolo quando, nel 2015, aveva perso 6-4 al terzo e, nel 2016, 7-5 al terzo. Il suo ruolo invece l’aveva svolto eccome e rifiutai la sua richiesta di rinunciare all'ingaggio. Quest’anno ci è venuto incontro perché l’ingaggio si era abbassato della metà, anche se era ancora n. 4 del mondo quando abbiamo fatto l’accordo. E, nonostante ciò, oggi fa un ulteriore gesto nei nostri confronti. Ecco, giocatori così, estremamente umani, fanno parte di quelle belle storie che siamo fieri di raccontare
Caujolle spiega anche come verrà gestito l'ingaggio a cui Wawrinka ha scelto di rinunciare:
US Open
Federer, Nadal e Thiem: US Open senza 10 degli ultimi 17 titoli
20/08/2021 A 14:23
Una parte della somma resterà all’organizzazione del torneo, il resto sarà devoluto a varie associazioni come da desiderio di Stan. Si tratta di un po’ più di 50.000 euro per diverse associazioni, alcune scelte insieme al consiglio regionale e altre due alle quali partecipa anche Wawrinka. Ma tutte si occupano di venire in aiuto ai bambini
Wimbledon
Seppi piegato da Kudla e dal mal di schiena: tre set a zero
30/06/2021 A 16:54
Tokyo 2020
Wawrinka costretto a rinunciare alle Olimpiadi
29/06/2021 A 13:40