Carla Suárez Navarro è rinomata per la sua grande tenacia mostrata in campo, ma nell'ultimo periodo è stata costretta a trasferire questa mentalità nella sua vita personale quando, lo scorso autunno, le è stato diagnosticato il linfoma di Hodgkin. Da allora, la spagnola si è sottoposta a sedute di chemioterapia che ha completato alla fine di gennaio.
Nell'ultima puntata di Players' Voice, l'ex numero 6 del mondo si apre sulla sua reazione alla diagnosi, su come il tennis si sia rivelato fondamentale e sul suo sogno di tornare alle Olimpiadi...
Non vuoi mai sentire quelle parole, ma alla fine se è il tuo turno, è il tuo turno.
Tutti Gli Sport
Trailblazers: Eurosport celebra i più grandi dello sport
01/02/2021 A 10:02
La scorsa estate, prima di conoscere la diagnosi, mi sentivo sempre stanca e nauseata. Ho fatto un tampone per verificare se avevo il coronavirus ma è risultato negativo, quindi sono andata dal medico perché sentivo dolori allo stomaco. Gastrite, mi hanno detto, ma dopo la prima diagnosi continuavo a sentirmi male. Per cui sono andata da altri medici finché uno di loro ha parlato della possibilità del linfoma. Mentre stavo facendo alcuni test, è arrivata la cattiva notizia.
Non so cos’ho pensato, ma la mia prima reazione è stata chiedere come avrei potuto riprendermi. Volevo solamente sapere cosa dovevo fare, senza interessarmi di come o perché fosse successo. Penso che la mia esperienza di tennista abbia aiutato. Il tennis è uno sport individuale per cui siamo abituati ad affrontare periodi di recupero.

Carla Suárez Navarro

Credit Foto Getty Images

Una volta accertata la notizia, non ho cercato ulteriori informazioni sul telefono. Ero sicura che avrei trovato cose che non avrei capito. La spiegazione dei medici mi bastava e le loro parole mi hanno dato tanta fiducia e speranza. Più che sull’aspetto mentale, il processo è stato difficile a livello fisico. Alcuni giorni sono stati molto duri perché il mio corpo non sapeva come reagire, ma mentalmente sono riuscita a gestire la situazione.

Tutta l'emozione di Muguruza su Suarez Navarro e la sua lotta col cancro

È stato importante condividere pubblicamente le notizie perché alla fine della giornata, prima che tennisti o atleti, siamo persone normali. Inoltre, la gente sapeva che non mi ero allenata e avrebbe notato la mia assenza agli US Open e al Roland Garros. L'ho fatto per informare tutti della mia assenza.
È vero che nessuno vuole mai leggere questo genere di notizie, indipendentemente dal fatto che tu conosca o meno la persona. Quindi, in una certa misura, mi aspettavo di ricevere alcune parole di incoraggiamento ma non avrei mai immaginato la quantità di messaggi che mi sono stati inviati. La dimostrazione d’amore che ho ricevuto è stata incredibile: quelle parole rimarranno per sempre nel mio cuore.
I dottori mi hanno detto che mantenermi attiva poteva aiutare, quindi ho iniziato a fare sport. Avrei voluto giocare a calcio e a basket, ma per colpa del Covid non è stato facile radunare tante persone. Quindi ho giocato a tennis. Ho anche fatto un po’ di lavoro in palestra, ma la maggior parte delle volte non ne avevo voglia e sono rimasta in casa.
Mio fratello, che è molto bravo a cucinare, e i miei genitori mi hanno fatto compagnia. Abbiamo guardato alcune serie televisive e giocato a scacchi. Ho anche letto e dipinto dei mandala: mi hanno aiutato a passare il tempo.
Ora sto facendo gli ultimi passi per la mia guarigione. Lunedì 25 gennaio ho avuto la mia ultima seduta di chemioterapia e ora devo completare alcune sedute di radioterapia. Dopodiché spero davvero che tutto sia finito.
Prima della diagnosi, ho preso la decisione di ritirarmi dal tennis professionistico, ma il mio addio dev'essere su un campo da tennis. Non vorrei che la gente si ricordasse di me mentre dicevo addio in ospedale. Quindi nella mia mente, se tutto va bene, spero di poter dire addio nel modo che voglio. Quando penso agli Australian Open non mi mancano le 24 ore di volo o il jet lag, ma mi mancano i miei compagni di squadra, la competizione, i tifosi...
Le Olimpiadi sono il sogno di ogni atleta
Quest'anno avrò buone possibilità di giocare a Tokyo ed è il sogno di ogni atleta competere alle Olimpiadi... Ma non dipende da me e dipenderà dalla classifica; per il singolare ci possono essere solo quattro giocatori nel sorteggio, quindi se Garbiñe (Muguruza), Paula (Badosa), Sara (Sorribes) e Aliona (Bolsova) faranno bene all'inizio di questa stagione, sarò fuori. Tuttavia, spero che se Garbiñe avrà una buona classifica nel doppio, potremo giocare insieme.
Infine, voglio cogliere questa occasione per ringraziare tutti quelli che mi hanno dimostrato affetto e supporto. Spero che questa edizione degli Australian Open vi piaccia molto.
Seguite Carla Suárez Navarro su Twitter (@CarlaSuarezNava) e Instagram (@carlasuareznava).

Suarez Navarro si emoziona e scoppia in lacrime: “È l’ultimo anno, bello avere il pubblico con me”

Tennis
Suarez Navarro shock: "Combatto contro il linfoma di Hodgkin"
01/09/2020 A 15:49
Roland Garros
Svitolina eliminata da Krejcikova, avanti con Stephens e Swiatek
05/06/2021 A 12:17