Buona la prima per l’Italia nelle qualificazioni alle Finals di Coppa Davis 2020. Fabio Fognini, numero 1 della Nazionale capitanata da Corrado Barazzutti, liquida in due set Duckhee Lee e garantisce agli azzurri il primo punto nella sfida contro la Corea del Sud. Sulla terra rossa del Tennis Club Cagliari il ligure si impone nettamente per 6-0 6-3 dopo un’ora e quattro minuti di gioco.

Roland Garros
Sinner, i motivi per sognare la vittoria contro Nadal
06/10/2020 A 06:07

Fognini parte con il piede giusto e fa subito valere la propria evidente superiorità tecnica: nel game d’apertura dell’incontro, infatti, quattro punti consecutivi gli permettono di risalire dal 30-0 e di strappare il servizio al coreano. Nel terzo gioco il ligure replica il break e rende ancora più consistente il proprio vantaggio ipotecando con ampio anticipo la conquista del primo set. Fognini mantiene alta la concentrazione e prosegue nel proprio monologo, di cui il 6-0 finale è uno specchio quantomai fedele.

Nel secondo parziale il tennista di Arma di Taggia pare intenzionato a sbrigare la pratica il più velocemente possibile e piazza ancora una volta un break nel game d’apertura. Potrebbe essere la pietra tombale della partita e invece così non è: Lee, nonostante i palesi limiti tecnici, psicologicamente non molla e riesce prima a difendere per la prima volta un turno di servizio e poi a strappare la battuta all’azzurro. Il sorprendente uno-due del coreano serve però da sveglia a Fognini, che recupera immediatamente il vantaggio di un break e chiude nel nono gioco con il punteggio di 6-3.

A livello statistico, il numero 11 del mondo chiude con 1 ace e 2 doppi falli; 47% il dato sulle prime in campo, mentre i punti vinti sulla prima e sulla seconda ammontano rispettivamente al 75% e 61%. Lee, invece, è più preciso nel mettere in gioco la prima (68%) ma conquista molti meno punti, sia con la prima (49%) sia con la seconda (28%). Impietoso il confronto dei vincenti (18 per l’azzurro, solo 4 per il coreano), mentre il conteggio degli errori gratuiti è di 13 a 22.

Ecco le dichiarazioni di Fognini ai microfoni di SuperTennis dopo il match:

L’importante è aver portato a casa il punto, non importa come. Nell’ultimo mese mi è mancata la competizione, oggi cercavo la mia condizione migliore. L’importante è essere tornato in campo, fa un po’ strano vedere tutto vuoto, ma è un brutto periodo, di emergenza, cercheremo di rimanere tutti uniti, supereremo anche questa. Ho detto a Mager che in questa competizione è tutto diverso, deve rompere il fiato all’inizio e, dato che è in un buon momento di forma, deve giocare il suo tennis

antonio.lucia@oasport.it

Roland Garros
Fognini crolla sul più bello: i soliti guai aiutano Kukushkin
28/09/2020 A 14:09
Roland Garros
I pronostici di Eurosport per il Roland Garros
26/09/2020 A 09:10