Niente da fare per Victoria Azarenka, la rivincita su Petra Kvitova non le riesce e alla fine la bielorussa deve inchinarsi alla "maestra", la regina del Masters di Istanbul che chiude la stagione femminile. La Kvitova corona nel migliore dei modi un 2011 che la vede indiscussa protagonista. Partita dalla posizione numero 34 a inizio anno, concluderà al secondo posto e a soli 115 punti dalla numero 12, Caroline Wozniacki che ora dovrà guardarsi le spalle e trovare le giuste contromisure. Perchè la regina di Istanbul, oggi al sesto titolo stagionale, già campionessa a Wimbledon ha le idee chiare e i colpi giusti per far dimenticare il regno delle Williams. Senza Serena e Kim Clijsters, la ceca è apparsa uno shiacciasassi, ha ceduto due soli set in finale contro la Azarenka e in semifinale contro Samantha Stosur e non ha lasciato scampo alle avversarie. Ne sa qualcosa la bielorussa che dopo le sconfitte rimediate quest'anno a Roma e a Wimbledon, si trova a capitolare anche in Turchia. E con questo successo Petra si porta sul 4-2 nei confronti diretti con Vika.
Il primo parziale vede la Kvitova partire subito in quarta e salire sul 5-0. La Azarenka non pare reperibile, quasi non è scesa in campo. Ma come spesso accade, la tensione la fa da padrone e Petra inizia a sbagliare, consentendo all'avversaria di ritrovare fiducia e gioco. E, infatti, la Azarenka sul 5-2 salva due match point e pareggia i game fino al 5-5. La rimonta, però, termina lì, perchè la Kvitova riesce a trovare l'ennesimo break e a chiudere il primo parziale per 7-5.

TENNIS 2011 Picasso Azarenka Kvitova

Credit Foto Eurosport

WTA, Istanbul
Francesca riparte dalla Turchia
26/07/2010 A 11:35
Ma Vika è di nuovo in partita e lo dimostra nel set successivo dove brekka per prima la ceca, salvo poi perdere il servizio. Il break decisivo arriva nel quinto game e lo mette a segno la Azarenka che chiude la frazione 6-4.
Verdetto rimandato al terzo e decisivo set, dove la bielorussa viaggia sulle ali dell'entusiasmo della vittoria nel parziale precedente e si procura tre palle break. Ma la Kvitova, a dispetto della giovane età, ha imparato ad amministrare bene le emozioni nei momenti importanti: il braccio non le trema e annulla tutte le chance di break dell'avversaria strappando, invece, addirittura la battuta a Vika nel gioco successivo. Ormai il match è incanalato in una direzione che porta verso la ceca. Chiude 6-3 la Kvitova e conquista il Masters alla prima partecipazione, impresa che non riusciva dal 2004 quando fu Maria Sharapova a riuscire nell'impresa. La siberiana in quell'anno aveva vinto anche Wimbledon, proprio come la ceca. Che sia un segno del destino? Deve trovare la giusta continuità e attenzione nel corso delle partite Petra, evitare passaggi a vuoto che possano metterla in difficoltà, ma limati alcuni aspetti la sensazione è che il circuito abbia trovato una futura numero 1.
***
In doppio, invece, vincono Liezel Huber e Lisa Raymond. La coppia statunitense battein finale per 6-4 6-4 la formazione composta dalla ceca Kveta Peschke e dalla slovena Katarina Srebotnik.
ATP, Indian Wells
Tsitsipas e Zverev eliminati! La semifinale è Basilashvili-Fritz
6 ORE FA