Nell'ultima gara prima della pausa per l'All Star Game, è arrivato il momento di Nico Mannion! Vista l'assenza di Stephen Curry, tenuto a riposo, i Golden State Warriors hanno lanciato in quintetto il rookie italiano, richiamato due giorni fa dalla G-League, e lui ha risposto in maniera positiva: 9 punti con 3 su 5 tre, 4 rimbalzi, 6 assist, 5 palle perse in 31' sul parquet, con di fronte un avversario come Chris Paul, il "grande vecchio" delle guardie NBA. I Warriors hanno perso nettamente 120-98 contro i Suns, la seconda miglior squadra della Western Conference, ma l'occasione è stata sfruttata bene secondo le parole dell'allenatore Steve Kerr: "Non mi è sembrato affatto spaventato. Mi ha dato l’impressione di uno abituato a calcare palcoscenici del genere".
Per Nico è stata una serata speciale perchè il suo debutto da titolare è avvenuto a Phoenix, in Arizona, il luogo dove ha trascorso gli ultimi 7-8 anni di vita tra high school e università, dopo che il primo canestro l'aveva segnato contro gli Utah Jazz a Salt Lake City, la città in cui ha trascorso l'infanzia. "È stato proprio come nelle storie che si raccontano ai bambini. È stato come surreale perché la prima tripla che ho segnato, è stata a Utah dove ho vissuto i miei primi dieci anni di vita. Mentre la mia prima partita da titolare, l’ho giocata proprio a Phoenix, dove ho vissuto per gli ultimi 7-8 anni. I miei parenti erano nel pubblico, ho visto un paio di amici, è stato fantastico", ha raccontato Mannion nel post partita.
NBA
Le 5 domande su Nico Mannion, l'ultimo italiano in NBA
19/11/2020 A 17:33
Contro i Suns il migliore è stato Jordan Poole, 26 punti con 5 triple, lui che con Mannion ha vissuto l'esperienza in G-League coi Santa Cruz Warriors. Riguardo l'ultimo periodo Mannion ha aggiunto: "Credo che la G League sia sottovalutata, ha molto da dire. Tutto ciò che mi serviva, era guadagnare sicurezza nei miei mezzi. Questo era l’ostacolo più grande da superare. Una volta che ti senti apposto, non è importante chi trovi dall’altra parte, perché starà a te mostrare di cosa sei capace". In G-League Mannion ha viaggiato a 19 punti, 3 rimbalzi e 7 assist di media, con un'ultima gara da 27 con 5 triple. Ora però il pensiero è tutto per l'NBA!

Da Rusconi a Mannion, i giocatori italiani in NBA

NBA
Lo sfogo di Draymond Green: "I giocatori meritano rispetto"
16/02/2021 A 12:17
NBA
Steph Curry diventa il 2° miglior tiratore da 3 della storia NBA
24/01/2021 A 09:01