Honduras e Giamaica non possono certamente essere considerati due test particolarmente probanti ma ci confermano che a sette settimane esatte dallo start del Mondiale in Qatar, l’Argentina sarà protagonista. L’Albiceleste di Scaloni dopo il tris di venerdì scorso travolge anche la Giamaica, nell’ultimo test utile per il ct argentino prima di definire i 26 che voleranno in Qatar per la rassegna iridata.
Scaloni per l’occasione ha stravolto la formazione cambiando per 8/11esimi la formazione, schierando in campo però nessuno però solamente tre elementi della nostra Serie A in campo: Angel Di Maria e Lautaro Martinez (schierati titolari) e l’altro interista Correa, subentrato al 78’ proprio al posto del Fideo e a cui il selezionatore argentino ha concesso uno scampolo di gara. Rimasto seduto in panchina lo juventino Leandro Paredes mentre zero minuti in campo e solamente tribuna per Nico Gonzalez e Paulo Dybala, risparmiato dal ct – che non ha voluto rischiare di metterlo in campo dopo il problema muscolare che lo aveva tenuto ai box contro l’Atalanta – per la gioia di José Mourinho che lo avrà carico e pronto per la supersfida contro l’Inter di sabato pomeriggio.
Serie A
Argentini pronti a saltare match prima del Mondiale? Di Maria smentisce
27/09/2022 ALLE 09:21

Lautaro assist per Alvarez poi si scatena Messi

Nonostante l’ampio turnover, l’Argentina viaggia a memoria e – pur con Messi a riposo – nel solo primo tempo confeziona ben 9 palle gol, compresa la meravigliosa azione con cui Julian Alvarez sblocca il match. Il centravanti del Manchester City capitalizza una trama avvolgente in cui si susseguono 28 tocchi consecutivi e in cui l’ultima imbeccata utile la fornisce il Toro Martinez, che torna ad Appiano rinfrancato da questa pausa delle Nazionali in cui ha siglato un gol e un assist. Il numero 10 interista prima di lasciare il campo prima dell’ora di gioco per far posto a Messi, fa in tempo a divorarsi due clamorose palle gol. Ad arrotondare il risultato però ci pensa proprio la Pulce che con uno-due terrificante in quattro minuti fa ammattire la retroguardia giamaicana. Il fuoriclasse del PSG dapprima con un rasoterra dal limite dell’area non lascia scampo al portiere Blake poi si mette completamente in proprio e dopo uno slalom fra tre avversari che obbliga la difesa giamaicana a stenderlo al limite dell’area, trasforma la successiva punizione con un sinistro beffardo all’angolino che gli vale il 90° sigillo con la maglia dell’Argentina.

Messi: "Benzema merita il Pallone d'Oro, non ci sono dubbi"

Amichevoli
Mancini boccia il 3-4-3: "Non è andata bene, squadra troppo lunga"
20/11/2022 ALLE 22:11
Amichevoli
Austria-Italia 2-0, pagelle: azzurri bocciati in blocco
20/11/2022 ALLE 22:05