L’estate degli allenatori. Già 11 squadre di Serie A sono certe di avere in panchina una guida nuova all’inizio del prossimo campionato. E in bilico c’è ancora l’Empoli, visto che mister Dionisi è corteggiato da Sampdoria e Udinese. Delle prime 10 classificate nello scorso torneo, ben otto hanno cambiato allenatore, con Gasperini (Atalanta) e Pioli (Milan) unici superstiti in questo vortice rivoluzionario. In generale, però, anche nel resto d’Europa, dal Real Madrid al Tottenham, dal Bayern Monaco all’Everton ci sono state stravolgimenti a livello tecnico inattesi e imprevisti. Una tendenza non casuale, vista l’importanza che il ruolo riveste nella progettazione di una stagione. I tecnici sono diventati sempre più pregiati, come confermano i 25 milioni pagati dal Bayern Monaco per liberare Julian Negelsmann dal Lipsia o i rinnovi faraonici sottoscritti negli ultimi due anni da Simeone e Guardiola con Atletico Madrid e Manchester City. Ecco perché Antonio Conte, che per lasciare l’Inter ha intascato una robusta buonuscita, sta chiedendo un ingaggio monstre al Tottenham.
I tecnici piú pagati d'Europa
Calciomercato 2020-2021
Sarri-Lazio, ci siamo: pronto un biennale per l'ex Juve
04/06/2021 A 06:33
AllenatoreMilioni netti annui
Simeone (Atletico M.)24
Guardiola (M. City)23
Klopp (Liverpool)17,5
Pochettino (PSG)8
Solskjaer (M. United)8

Conte chiede quanto Klopp, Cholo e Pep inarrivabili

Antonio Conte chiede al Tottenham un ingaggio identico a quello percepito da Jurgen Klopp al Liverpool e cioè di 15 milioni di sterline netti a stagione (circa 17,5 milioni di euro). Una cifra che, se raggiunta, lo renderebbe terzo tra gli allenatori più pagati in Europa, alle spalle dei soli Diego Pablo Simeone (24 milioni netti all’anno dall’Atletico Madrid) e Pep Guardiola, che con il City ne intasca circa 23 a stagione. Carlo Ancelotti, di ritorno al Real Madrid, ha firmato un contratto triennale con uno stipendio di circa sei milioni netti, poco più della metà rispetto a quelli percepiti all'Everton. E meno della metà dei 12 netti all’anno che percepiva il suo predecessore ed ex vice Zinedine Zidane. Maurizio Pochettino al PSG guadagna circa otto milioni di euro netti a stagione, mentre per Solskjaer allo United c’è uno stipendio netto da 7 milioni di sterline a stagione (circa otto milioni netti, 16 lordi). Tuchel ne riceve circa sette all’anno dal Chelsea, che però sta per proporgli un rinnovo, vista la recente impresa in Champions League. Molto più bassi gli ingaggi di Koeman (Barcellona) e Arteta (Arsenal).
I tecnici piú pagati della prossima Serie A
AllenatoreMilioni netti annui
Massimiliano Allegri (Juventus)7
José Mourinho (Roma)7
Simone Inzaghi (Inter)4
Maurizio Sarri (Lazio)3
Luciano Spalletti (Napoli)2,8

In Serie A Allegri e Mourinho sopra a tutti, Sarri quarto

E nel nostro campionato? Sopra a tutti ci sono José Mourinho (sette milioni netti a stagione per diventare il nuovo tecnico della Roma) e Massimiliano Allegri, che dalla Juventus percepisce ette milioni netti che tramite alcuni bonus possono arrivare a nove. Maurizio Sarri si sta accordando con Lotito per ricevere dalla Lazio tre milioni di euro netti (inclusi bonus) a stagione e posizionarsi così al quarto posto dei tecnici più costosi della Serie A: davanti a lui proprio Simone Inzaghi. Il neo allenatore dell’Inter ha firmato un contratto biennale con il club nerazzurro: guadagnerà uno stipendio di quattro milioni netti a stagione, più del doppio di quanti ne incassava dalla Lazio. Quinto Luciano Spalletti (2,8 milioni di euro dal Napoli). Per Stefano Pioli, invece, nuovo accordo in rossonero fino al 2022, con lo stipendio che adesso è pari a 2,3 milioni di euro a stagione. Poco più di Rino Gattuso, che si è accordato con la Fiorentina per due milioni di euro netti annui.

Conte, vincere e dirsi addio: fra ristoranti, carri e sfoghi

Calciomercato 2020-2021
Conte-Tottenham: trattativa in fase avanzata!
02/06/2021 A 12:46
Calciomercato 2020-2021
Dumfries, la freccia dell'Olanda che piace al Napoli
12 ORE FA