Massimiliano Allegri non può che essere soddisfatto al termine di Malmoe-Juventus: lo 0-3 matura tutto nel primo tempo, poi i bianconeri amministrano la partita. Si tratta della prima vittoria per i bianconeri in questa stagione, dopo un inizio di campionato claudicante. Ecco le impressioni del tecnico bianconero dopo il fischio finale.
"Quando giochi una partita di Champions c'è sempre preoccupazione. Anzi, attesa. Un debutto in trasferta, dopo i risultati non arrivati in casa: è ovvio ci fosse un po' di pressione in più. I ragazzi hanno fatto una buona partita sul piano tecnico, anche se nel primo tempo potevamo sfruttare meglio alcune situazioni. C'è da migliorare. Il 14 luglio abbiamo cominciato un percorso e questo non cambia. I risultati condizionano il giudizio, ma bisogna essere bravi a mantenere l'equilibrio, sia nelle sconfitte che nelle vittorie".

Zero gol subiti

Champions League
Superlega, resa della UEFA: procedimenti cancellati
4 ORE FA
"E' un buon segnale. Ho chiesto ai ragazzi di finire la partita senza subire gol perché anche quello ti aiuta e ti toglie ansia. Szczesny ha fatto una buona partita, la sua partita, pari al valore che ha. Come tutti gli altri. Era importante vincere, ora pensiamo alla prossima partita".

Milan

"Dobbiamo darci un obiettivo noi, quello della seconda sosta, quella di novembre. E vedere dove saremo a quel punto lì. Il Milan è una squadra molto forte e vive un momento d'entusiasmo, deve essere uno stimolo per noi".

Autostima

"L'aspetto mentale è il 90% di tutti i lavori, nel calcio ancora di più. Quando lasci dei punti in campionato, come abbiamo fatto noi, giocando a tratti male ma con errori di singoli in partite che avevamo in mano, come a Napoli e Udine, ti fa vedere le cose in maniera più negativa. Io ricordo l'anno della rincorsa verso lo scudetto a Sassuolo prendemmo gol sull'unico tiro in porta su punizione da Sansone e sbagliammo tipo otto gol, una roba pazzesca. Poi vincemmo partite che non meritavamo di vincere. Bisogna sempre distinguere il risultato dalla prestazione".
CALENDARIO | CLASSIFICHE | MARCATORI | NOTIZIE

Dybala: "Segnare mi aiuta per la testa"

"Sicuramente, lo sapevamo, venivamo da partite belle, i risultati non ci accompagnavano, però sappiamo che questa è un'altra competizione, sapevamo quello che dovevamo fare, lo abbiamo fatto, abbiamo giocato con serenità, da grande squadra, e adesso dobbiamo continuare su questa strada. Sono contento di segnare, mi aiuta tanto per la testa, per giocare tranquillo, per giocare con serenità, per aiutare la squadra e oggi abbiamo vinto, quindi sono molto contento".

Milan, le avversarie nel Girone B di Champions League

Champions League
Inzaghi: "Sfida non decisiva, ma molto importante"
5 ORE FA
Champions League
Il sarto ha poca stoffa: Allegri, le alternative senza Dybala e Morata
7 ORE FA