La Juventus subisce un pesante 4-0 in casa del Chelsea nella 5a giornata del Gruppo H della Champions League 2021/22. Ora i Blues passano in vetta al girone e la Juventus è seconda. Qui di seguito i voti ai protagonisti della partita.

Le pagelle del Chelsea

Edouard MENDY 6 – Mai chiamato in causa, se non all’83° sul 3-0...
Serie A
Il saluto di Buffon a Dybala e Chiellini: "Buona fortuna"
IERI A 06:49
Trevor CHALOBAH 6,5 – Pesca il jolly, trovandosi al posto giusto nel momento giusto.
Thiago SILVA 7,5 – Salvataggio clamoroso sull’unica occasione della Juventus, ovvero il tocco sotto di Morata nel primo tempo. Forse, quel gol, avrebbe cambiato un po' la partita. E invece 4-0 senza storia. Grazie a lui.
Antonio RUDIGER 6,5 – Gestisce bene dietro e trova anche il pugnetto malizioso che contribuisce a mandare in gol Chalobah.
Reece JAMES 8 – Fa il vuoto, a destra. Una spina nel fianco di un Alex Sandro spaesato. Obbliga Szczesny al miracolo, poi lo fredda nella ripresa. Spinta, buona tecnica, grinta e incisività.
N’golo KANTE 6,5 – Finché sta in campo è uno dei migliori dei Blues, unendo alla solita quantità anche la qualità. Poi vengono fuori i guai fisici. Dal 36’ Ruben LOFTUS-CHEEK 7 – Ingresso molto positivo. Chiamato dopo i problemi muscolari
JORGINHO 7 – Lì in mezzo detta i ritmi e fa quel che vuole. Palleggio elegante, preciso, funzionale.
Ben CHILWELL 7 – Uno dei migliori fino all’infortunio. Quantità e buonissima qualità. Oltre che un’intensità fuori dal comune. Dal 71’ Cesar AZPILICUETA 6 – Il suo apporto al match arriva a giochi ormai fatti dal punto di vista del punteggio.
Hakim ZIYECH 6 – Forse uno dei meno incisivi del Chelsea. Non si accede come suo solito, non riesce mai a trovare la giocata. Ma è comunque positivo.
Callum HUDSON-ODOI 6,5 – Si brucia un contropiede clamoroso a inizio secondo tempo. Sul resto, lotta bene e impegna a lungo Cuadrado. Dal 76’ Mason MOUNT – sv.
Christian PULISIC 6,5 – Non è una delle sue partite più ispirate, eppure basta per mettere in difficoltà la Juventus. Dal 72’ Timo WERNER 6,5 – Finale dignitoso e condito dal golletto per le statistiche all'ultimo minuto del recupero.
All. Thomas TUCHEL 7 – Il suo Chelsea gioca a pallone. E lo fa come si deve. Nonostante un primo tempo di tanta pressione e pochi gol, i suoi Blues riescono dagli spogliatoi col veleno in corpo. Sintomo, evidente, di aver toccato le corde giuste nell’intervallo. Sintomo, altrettanto evidente, di una squadra che sa cosa fare. D’altra parte, non si diventa campioni d’Europa per caso.

Bonucci: "La Juventus non merita certe sconfitte"

Le pagelle della Juventus

Wojciech SZCZESNY 6,5 – Una gran parata su James. Incolpevole però sui gol.
Juan CUADRADO 5,5 – Non riesce a creare nulla coi suoi soliti spunti. Ci prova, in qualche occasione del primo tempo, ma con la squadra tutta dentro la propria metà campo, non è semplice. Dall’81’ Koni DE WINTER – sv.
Leonardo BONUCCI 5 – Prova a tenere su il fortino. Non commette grossi errori. Ma il problema è nella filosofia: difendere davanti alla porta, alla distanza, contro queste squadre, paga una volta... Ogni tanto.
Matthijs DE LIGT 5 – Si fa saltare troppo facilmente da Loftus-Cheek nell’occasione del terzo gol. Soffre l’atteggiamento complessivo della squadra, troppo bassa.
Alex SANDRO 4 – Serata da incubo. Ma veramente da incubo. Ridicolizzato da James. E questo è quanto.
Weston MCKENNIE 5 – Sarebbe un mediano, ma fa l’esterno di centrocampo. Il senso non lo si è ancora compreso. Nonostante questo, prova a creare qualcosina da fuori. Ma sulla difensiva, stasera, soffre.
Manuel LOCATELLI 6 – L’unico a salvarsi nel disastro. Prova uscire qualche volta con la palla, altre col palleggio. Ma predica sostanzialmente nel vuoto. Dal 67’ ARTUR 6 – Un finale dove il Chelsea tira i remi in barca. E lui tira fuori qualche palleggio.
Rodrigo BENTANCUR 4 – A questi ritmi viene fuori ancora una volta per quel che è: un giocatore sopravvalutato. Il centrocampo del Chelsea di Tuchel lo mette in mostra a tutta l’Europa. Dal 59’ Paulo DYBALA 5,5 – Non riesce a creare un singolo spunto. Ma al suo ingresso in campo la Juve è già depresse oltre il limite.
Adrien RABIOT 4 – Leggi la voce ‘Bentancur’.
Federico CHIESA 5 – Male anche lui. Ma d’altra parte partire a 60 metri dalla porta contro la squadra campione d’Europa non è semplice. Dall’80 Dejan KULUSEVSKI – sv.
Alvaro MORATA 6 – Ci prova, nelle poche occasioni che ha. Va anche vicino al gol nell’unica palla giocabile che gli arriva. Impossibile da punire. Dal 68’ Moise KEAN 6 – Prova a sgomitare nei 20 minuti finali. Non può nulla.
All. Massimiliano ALLEGRI 4 – La filosofia della sua Juventus è questa roba qui, ormai non desta più sorpresa: difesa bassa e ripartenza. Il problema stasera è che rispetto all’andata il Chelsea cambia ritmo e intensità di approccio. E la Juve si schiaccia senza speranze, non uscendo mai. Poi certo si potrebbe anche discutere di un 4-4-2 in cui i 4 centrocampisti sono in realtà 4 mediani... Ma visto il risultato finale, meglio non infierire.

Allegri: "Con Lukaku o senza Lukaku è diverso, dovremo adattarci"

Serie A
Juventus-Lazio, 5 verità: Chiellini saluta, la fine di un'era?
IERI A 06:38
Serie A
Sarri: "SMS se parte va all'estero"; Allegri: "Futuro? Idee chiare"
IERI A 21:57