Dal Triplete alla storica qualificazione della Macedonia a Euro 2020, ovvero l'unica volta che il paese balcanico concorrerà per la fase finale di un torneo internazionale. L'eroe in questione, naturalmente, è Goran Pandev, che dopo aver deciso lo spareggio di Tbilisi contro la Georgia, è scoppiato in un pianto di gioia ininterrotto mentre veniva portato in trionfo dai suoi compagni di nazionale.

Georgia-Macedonia del Nord, spareggio per Euro 2020: un contrasto tra Goran Pandev (Macedonia del Nors) e Jaba Kankava (Georgia) (Getty Images)

Credit Foto Getty Images

Qualificazioni Euro 2020
Macedonia, Ungheria, Slovacchia e Scozia a Euro 2020
12/11/2020 A 22:31

Il vento in poppa della Serie A

Era il settembre del 1991 quando il suo Paese otteneva l'indipendenza dalla Jugoslavia: Goran aveva 8 anni. Oggi, a 37, è il giocatore più anziano e, anche, più rappresentativo della una giovane nazione. Il gol, al minuto 56, è un vero e proprio assolo di Serie A: azione cominciata dalla sinistra da Elmas, rifinitura di Nestorovski per Pandev e tocco morbido in fondo al sacco da parte del centravanti del Genoa. Troppo per una Georgia ancora, evidentemente, troppo acerba per il grande salto.

La gioia di Skopje: appuntamento con la storia

Un salto carpiato nell'élite del calcio, invece, lo fa il paese incastrato tra Serbia, Grecia, Kosovo, Albania e Bulgaria. Che, dal 2019, ha assunto la denominazione di "Macedonia del Nord" dopo una lunga disputa con la Grecia e l'omonima regione ellenica confinante. A Skopje si è fatto festa in macchina, come si è potuto, sotto la pioggia e cercando di stare attenti alle misure anti-Covid. Chissà cosa sarebbe stato in un mondo "normale", è venuto da chiedersi guardando foto e immagini.

12 novembre 2020: festeggiamenti a Skopje dopo la qualificazione a Euro 2020 della Macedonia del Nord avvenuta in Georgia grazie alla vittoria per 1-0 firmata Goran Pandev (Getty Images)

Credit Foto Getty Images

Il cuore di Goran (e del fratello Saško) in un'accademia

Il contatore delle presenze ufficiali di Pandev in nazionale segna 114 con 38 reti, l'ultima, ovviamente, la più importante. Un ragazzo, un uomo, che non si è mai dimenticato del suo Paese in cui, nella capitale, nel 2010 insieme a suo fratello Saško ha perfino fondato un'accademia a suo nome, il Fudbalski Klub Akademija Pandev, che negli anni si è imposto anche nel calcio dei grandi andando addirittura a vincere una cappa nazionale. Tutto per dare un futuro nel grande calcio ai giovani giocatori del suo Paese. Saško, ora, oltre ad essere il coproprietario, è il capitano del club. Pandev, dopo il Triplete del 2010 con l'Inter e José Mourinho, avrebbe manifestato l'intenzione dei ritirarsi dopo il campionato europeo. Ma chissà che una sgambata in famiglia, insieme al fratello e ai suoi ragazzi, non ci scappi. Prima, però, c'è un appuntamento con la storia da non mancare.

La Macedonia del Nord in Georgia, 12-11-2020. In piedi da sin.: Arijan Ademi, Eljif Elmas, Darko Velkovski, Visar Musliu, Stole Dimitrievski, Goran Pandev. Accosciati: Ilija Nestorovski, Egzon Bejtulai, Ezgjan Alioski, Boban Nikolov e Stefan Ristovski

Credit Foto Getty Images

Macedonia a Euro 2020: la festa dei tifosi a Skopje

Amichevoli
Italia-Estonia, 5 verità: Grifo può giocarsela
12/11/2020 A 09:43
Amichevoli
Amarcord Risto Kallaste: "La mia carriera in una capriola"
11/11/2020 A 15:50