"Quando mi hanno chiamato per dirmi che la Juventus stava cercando di fargli fare l'esame di italiano, mi hanno dovuto spiegare chi fosse. Ho pensato che fosse un buona opportunità per rilanciare la visibilità del mio Ateneo". Così Giuliana Grego Bolli, ex rettrice dell'Università per stranieri di Perugia, spiega i primi contatti che hanno portato all'indagine sull'esame Suarez.

Sui contatti con la Juventus

"No, mai. Ci parlava il direttore generale Simone Olivieri, a cui ho affidato l'organizzazione. Non ho avuto alcun ruolo nella preparazione né dell'esame, né del certificato di prova superata. Non ho mai avuto questa sensazione che l'intero Ateneo si sia messo a disposizione, né pressioni di alcun genere. A me di Suarez non importava niente. Promesse dalla Juventus? Olivieri mi parlò della possibilità di stipulare una convenzione per i giocatori della primavera. L’ho ritenuta una buona opportunità, ma non l’ho mai presa sul serio".
Calciomercato 2020-2021
Suarez, la verità sul passaporto: "Lo volevo da un anno"
05/02/2021 A 12:22

Esame regolare?

"Il B1 richiede una capacità di farsi capire a livello medio-basso. Essendo ispanofono, Suarez era facilitato. Durante la pandemia l'esame di B1 si tiene solo in forma orale e dura circa 12 minuti. A queste condizioni risulta più accessibile. Avendo studiato, Suarez poteva superare un B1. Però io non l'ho mai sentito parlare".

Sull'errore da non rifare

"Non mi riavvicinerei al mondo del calcio. Se ritornasse un Suarez a chiedere di fare l'esame, direi di no. Non per Suarez, ma per il clamore che si porta dietro il calcio. Adesso ho paura di tutto".

Suarez esce dall'università, i tifosi: "Vieni alla Juventus"

Liga
Koeman: "Suarez? Era meglio venderlo alla Juventus"
02/02/2021 A 12:22
Serie A
Suarez, le chat tra i dirigenti Juve: "La prefettura non ci riceve"
29/04/2021 A 12:36