La Lazio di mister Maurizio Sarri vince in rimonta per 3 a 1 contro l'Inter dell'ex tecnico Simone Inzaghi. Nerazzurri avanti su rigore con Perisic, ma poi parchi in fase di costruzione del gioco. La Lazio, così, attraverso il bel gioco, ribalta il punteggio nella ripresa grazie alle reti di Ciro Immobile (su rigore), Felipe Anderson e Sergej Milinkovic-Savic. Qui di seguito le 5 verità del Derby della Capitale.

1) Sarri vince col bel calcio

Un concetto semplice e lineare. L'Inter di Simone Inzaghi, subito dopo il gol su rigore di Ivan Perisic, si mette in testa di disputare una partita "anni Settanta": in 9 dietro la linea del pallone con l'illusione - in vista del fitto calendario nazionale e internazionale - di portare a casa l'intera posta in palio con una gara "al risparmio". Ma contro le grandi squadre non funziona così: la Lazio, dopo lo svantaggio del 12', si mette a creare, a insistere, finché il gol non arriva e l'inerzia del match non cambia.
Serie A
Lazio-Inter, pagelle: Immobile e Sergej i migliori, male Correa
16/10/2021 A 18:35

2) Simone Inzaghi applaudito e quasi "imbarazzato"

A differenza della moltitudine di fischi dedicati dal pubblico biancoceleste agli ex Stefan de Vrij e Joaquin Correa, Simone Inzaghi viene accolto quasi da una standing ovation dai vecchi tifosi. Lui, quasi per rispetto, in panchina sembra un'altra persona. Sembra quasi, nella sua "casa storica", faccia fatica a scatenare quell'animo tarantolato che da sempre lo contraddistingue.

L'allenatore dell'Inter Simone Inzaghi durante Lazio-Inter, Serie A 2021-2022. Foto di Giusppe Maffia per Getty Images

Credit Foto Getty Images

3) Uomo a terra, ma le proteste sono pretestuose

L'Inter s'infuria per la rete di Felipe Anderson con Federico Dimarco a terra dopo uno scontro a metà campo. La partita degenera in rissa ma erano stati proprio i nerazzurri a proseguire l'azione subito dopo l'incidente occorso all'ex Verona. Non si tratta di sportività venuta a mancare. Forse, in questo caso, si entra più nei meandri del concetto di coerenza...

Scintille tra Lautaro Martinez e Felipe Anderson durante Lazio-Inter al gol del momentaneo 2-1, Serie A 2021-2022. Foto di Giusppe Maffia per Getty Images

Credit Foto Getty Images

4) Bene Basic, certo che Luis Alberto...

L'ex Bordeaux, schierato un po' a sorpresa da Sarri nella metà campo laziale, è un concentrato di corsa, grinta e tiro facile davanti allo specchio. Certo che, però, il piede fatato di Luis Alberto - subentrato all'ex Bordeaux al 66' - non si batte. il pallone scodellato da punizione per la testa di Milinkovic-Savic al 91', è davvero col contagiri.

5) La pausa nazionali ha fortemente penalizzato l'Inter...

...Con un Edin Dzeko decisamente spremuto dal triplice impegno (interamente onorato) con la Bosnia e gli argentini "top class" inutilizzabili dal 1'. Qualche cosa, nel calendario internazionale, in futuro, andrà certamente rivisto.

Edin Dzeko durante Lazio-Inter, Serie A 2021-2022. Foto di Giusppe Maffia per Getty Images

Credit Foto Getty Images

Sarri: "Con l'Inter mi aspetto una reazione da uomini"

Serie A
Gol, polemiche e rissa: la Lazio ribalta l'Inter 3-1
16/10/2021 A 17:59
Serie A
Lazio-Inter, moviola: perché Irrati non ha annullato il gol del 2-1
16/10/2021 A 16:44