Hellas Verona-Napoli, match valido per la prima giornata di Serie A 2022/23, è terminato sul punteggio di 2-5, frutto delle reti di Kvaratskhelia, Osimhen, Zielinski, Lobotka e Politano. Con questo risultato il Napoli risponde subito alle varie Inter, Milan, Roma e Lazio. Qui di seguito i voti ai protagonisti della partita per capire l'andamento della gara.
Serie A 2022-2023, la classifica aggiornata | Serie A 2022-2023, calendario e risultati | Serie A 2022-2023, la classifica marcatori aggiornata

Le pagelle del Verona

Serie A
Kvaratskhelia show! Il Napoli surclassa 5-2 il Verona
15/08/2022 ALLE 16:15
Lorenzo MONTIPÒ 6 – Incolpevole sui gol. Però ne prende 5. Non pochi.
Pawel DAWIDOWICZ 5 – Fatica tanto, specialmente alla distanza, quando il Napoli si fa più fluido e il Verona meno compatto.
Koray GUNTER 5 – L’assist di testa per il gol di Lasagna è l’unica cosa da conservare della sua partita.
Bruno AMIONE 4,5 – Una prima uscita dove francamente è apparso come non all’altezza per la Serie A: tantissimi falli, spesso saltato e in evidente difficoltà. Dal 59’ Panagiotis RETSOS 5,5 – Un po’ meno peggio, ma è di reparto che il Verona soffre.
Davide FARAONI 6 – Si salva solo per la bella corsa e il pregevole assist sulla testa di Henry.
Adrien TAMEZE 5 – Fatica in mezzo, dove il Napoli alla distanza fa quello che vuole con il preziosissimo lavoro di Lobotka e non solo.
Martin HONGLA 5 – Vince pochissimi duelli, che è poi quel di cui avrebbe bisogno l’Hellas. Dal 67’ Antonin BARAK 5,5 – Un finale difficoltoso, come tutto il Verona del resto.
Ivan ILIC 5 – E’ in mezzo che il Verona alla distanza si è sfaldato. Un primo tempo onesto alla fine non può bastare.
Darko LAZOVIC 5 – Semplicemente non pervenuto.
Thomas HENRY 6,5 – Bravo nel farsi trovare nel posto giusto quando arriva un pallone giocabile. Dal 59’ Roberto PICCOLI 6 – Finale in cui il Verona in sostanza non lo mette in condizione di esprimersi. Voto “politico”.
Kevin LASAGNA 6,5 – Bravissimo nello sbucare alle spalle di Mario Rui e lavorare per la squadra. Al Verona servirà però ritrovare compattezza di squadra. Dal 72’ Milan DJURIC 6 – Finale senza particolari squilli.
All. Gabriele CIOFFI 4,5 – Nel calcio serve equilibrio. I gol presi dal Verona nella ripresa sono tipici, invece, di una squadra che di equilibrio ne ha davvero poco. C’è da lavorare, specie se consideriamo anche i 4 presi in Coppa Italia al Bari. Nove gol in 2 partite sono decisamente troppi. Cantiere aperto.

Le pagelle del Napoli

Alex MERET 6 – Incolpevole sulle reti subite.
Giovanni DI LORENZO 6,5 – Da nuovo capitano, una prestazione di spessore. Sempre presente in fase di spinta, come nella scorsa stagione del resto.
Amir RRAHMANI 6 – Un’intesa con Kim tutta da costruire. Qualche responsabilità condivisa col sudcoreano nel secondo gol del Verona.
Min-Jae KIM 6 – Per la prima in Italia, neanche male. Il concetto però scritto qui sopra è lo stesso: intesa da costruire, specie nella costruzione dal basso che comunque è nel calcio di Spalletti.
Mario RUI 6 – Non precisissimo – eufemismo – nell’occasione del vantaggio dell’Hellas. Sale però alla distanza, rimediando all’errore. Dall’83’ Mathias OLIVERA – sv.
Andre Zambo ANGUISSA 6,5 – In mezzo al campo c’è tutta la fisicità che serve a Spalletti. Non sempre preciso nei passaggi, ma a fianco in mediana c’è chi rimedia per lui.
Stanislav LOBOTKA 7,5 – Il migliore del Napoli insieme a Kvaratskhelia. In mezzo al campo detta i ritmi e ripulisce i palloni; in due parole “mette ordine” laddove c’è il fulcro del gioco. Si leva anche la soddisfazione di segnale un gol, rarità assoluta del repertorio.
Piotr ZIELINSKI 7 – Dopo un primo tempo un po’ timido, è buona anche la sua di partita. E’ nella rete che di fatto uccide la partita. Il solito inserimento importante.
Hirving LOZANO 7 – Funziona anche lui. E’ tra i migliori del primo tempo, quando il Napoli faticava un po’ a trovare fluidità in mezzo al campo. E’ dai suoi piedi che nasce l’assist per la testa del georgiano. Dal 76’ Matteo POLITANO 7 – Pronti-via e la mette in gol. Bell’impatto anche il suo.
Victor OSIMHEN 7 – Un gol mangiato in apertura, ma poi un guizzo da vero bomber in area di rigore. Intelligente anche nel fornire il pallone a Politano per il quinto. Il Napoli avrà anche perso i pezzi, ma là davanti ha conservato uno degli attaccanti più interessanti del campionato. Dall’83’ Adam OUNAS – sv.
Khvicha KVARATSKHELIA 7,5 – Si presenta in Serie A con gol, assist e esultanza di un certo spessore, da uno che sa riconoscere il talento. A proposito di talento: una rondine non farà primavera, ma qui la sensazione è che il Napoli abbia pescato ancora una volta bene. Dal 68’ Eljif ELMAS 6 – Finale onesto, senza particolari squilli.
All. Luciano SPALLETTI 7 – In un periodo di deliri di onnipotenza collettivi, fateci partecipare alla moda del momento con un’autocitazione. Nelle nostre domande alla Serie A veniva chiesto “quale futuro per il Napoli dopo le tante cessioni?”. Il futuro di una dirigenza che, piaccia o no, da anni sa pescare talenti. Il futuro di un allenatore che, piaccia o no, resta uno dei migliori tecnici italiani. Qualche sbavatura dietro e due centrali da far affiatare, ma per il resto è buona, anzi, buonissima la prima. Specie visto il chiacchiericcio dei più...

Tutte le maglie della nuova stagione della Serie A

Serie A
Spalletti: "In questo Napoli non esistono titolari e riserve"
IERI ALLE 17:00
Serie A
Napoli-Torino 3-1, pagelle: Kvaratskhelia, sempre lui
IERI ALLE 15:25