Un intero continente corre con lui, nella speranza di riuscire a raggiungere un qualcosa di prestigioso: è la bella storia di Biniam Girmay, presentato a The Cycling Show come "il ragazzo di Asmara, la speranza per un intero continente". E' solo di pochi mesi fa la grande soddisfazione di Girmay per il secondo posto nel Campionato del Mondo, di seguito le sue parole: "È stato un grande momento per me per il mio continente, per l'Eritrea e soprattutto per il ciclismo nero, per mostrare il nostro potenziale al mondo. In molte gare sono l'unico corridore nero in gruppo. Se è difficile per un corridore europeo, è più difficile per noi. Naturalmente lavoriamo duramente ma hai bisogno di qualcuno che ti veda, che veda il tuo potenziale".
La speranza per un intero continente.
Lo staff di scouting e coaching della Wanty ha certamente visto in Girmay un grande potenziale, firmando con lui un contratto di quattro anni. Le vittorie, per il ciclista, sono iniziate al 15° Trofeo Alcudia, parte della Challenge Mallorca, dove firmò la sua seconda partenza dell'anno. Da allora ha raccolto una serie impressionante di risultati, tra cui tre top 10 alla Parigi-Nizza e un 10° posto alla Milano-Torino la scorsa settimana. Forse il più impressionante di tutti è stato il 12° posto alla Milano-San Remo di sabato, davanti all'ex vincitore Michal Kwiatkowski (Ineos Grenadiers) e Primoz Roglic (Jumbo Visma).
Giro d'Italia
Alla scoperta delle meraviglie d'Italia: tutte le tappe e il percorso del Giro 2023
27/10/2022 ALLE 11:41

IL PROSSIMO OBIETTIVO

Guarda avanti Biniam Girmay che fissa il prossimo evento dove, dice, sarà una grande emozione: "Il Giro d'Italia sarà il mio primo grande Giro. A casa mia, ad Asmara, tutti guardano i grandi giri nel pomeriggio. Alcuni smettono addirittura di lavorare e guardano solo il Giro d'Italia. Sicuramente avrò più motivazione. Nel 2025, inoltre, ci saranno i Campionati del Mondo in Ruanda nel 2025. Sarà la prima volta che un paese africano ospiterà il grande spettacolo del ciclismo. È davvero importante per noi, per il ciclismo africano, crescere, diventare di più. Non ci sono gare WorldTour o molte squadre lì, penso che il nostro futuro sia luminoso".
Penso che il nostro futuro sia luminoso.

Dopo la strada tocca a ciclocross e pista: Eurosport è la casa del ciclismo

Giro d'Italia
Sobrero: "Giro impegnativo, terza settimana molto dura"
18/10/2022 ALLE 15:38
Giro d'Italia
Nibali: "Giro da 10 e lode. Grandi ricordi alle Tre Cime di Lavaredo e che freddo!"
17/10/2022 ALLE 19:29