La prima giornata delle Olimpiadi di Tokyo 2020 vedrà subito protagonista il ciclismo su strada con la prova in linea maschile. L’Italia schiererà Gianni Moscon, Giulio Ciccone, Vincenzo Nibali, Damiano Caruso ed Alberto Bettiol. Sarà una gara atipica rispetto a quanto siamo abituati a vedere durante l’anno, perché le migliori formazioni (ovvero Italia, Francia, Olanda, Spagna e Belgio) potranno impiegare appena cinque corridori, dunque gli scenari tattici appaiono imprevedibili.

Gianni Moscon ai Mondiali 2018 di Innsbruck

Credit Foto Getty Images

Il ct azzurro Davide Cassani ha più volte ribadito che “il capitano è la squadra“. In questi giorni il romagnolo si è divertito a filmare dei video che hanno raccontato la grande armonia all’interno del gruppo azzurro. E c’è un dato statistico da non sottovalutare: quando in passato la Nazionale italiana di calcio ha conquistato un trofeo (1968, 1982, 2006), nello stesso anno ha festeggiato anche quella di ciclismo.
Giro d'Italia
Tutte le classifiche del Giro: festa per Bernal, Sagan e Bouchard
30/05/2021 A 23:20
Guarda tutte le gare delle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbonandoti a Discovery+: 3000 le ore live, fino a 30 canali in contemporanea dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti. E potrai rivedere quando vuoi tutte le gare nella sezione VOD. Abbonati ora su Discoveryplus.it: dal 19 luglio al 1 agosto, 3 giorni di free trial e abbonamento per 12 mesi a 29,90 euro complessivi. Attiva la promozione!
Il percorso della prova in linea è molto duro, per certi versi ricorda quello dei Mondiali di Innsbruck 2018, quando vinse lo spagnolo Alejandro Valverde. Quel giorno Gianni Moscon lottò spalla a spalla con i migliori, chiudendo in quinta posizione. Il trentino è pronto a vivere la sfida che potrebbe realmente cambiare il corso della carriera: “Fino adesso è stata una bella settimana, ci siamo allenati bene, abbiamo lavorato bene e concentrati verso l’obiettivo. Finalmente siamo arrivati qua e la tensione si sente. E’ un appuntamento molto importante, credo il più importante della mia carriera“.
Il percorso è molto impegnativo, sarà una gara selettiva. Sarà importante salvare le energie il più possibile e muoversi al momento giusto, perché ci saranno poche cartucce da sparare. L’emozione è tanta, non vedo l’ora di iniziare a correre. Vada come vada“, ha concluso il 27enne che durante l’anno veste la casacca delle Ineos-Grenadiers.

SPORT EXPLAINER: Ciclismo su strada

Giro d'Italia
La classifica a squadre: la Ineos Grenadiers in vetta
30/05/2021 A 23:00
Giro d'Italia
La classifica dei traguardi volanti: vince Dries De Bondt
30/05/2021 A 22:53