La Ferrari dice no a Jean Todt e Valentino Rossi. L’ipotesi di un ritorno a Maranello dell’ex presidente della Federazione Internazionale era stata ventilata alcuni mesi fa dallo stesso Todt a John Elkann. Il quale, dopo una serie di riflessioni, ha scelto di rinunciare per il momento ad una collaborazione preziosa ma complessa, scrive Giorgio Terruzzi del Corriere della Sera. Todt avrebbe svolto un ruolo da super-consulente ponendosi come riferimento sia del presidente Ferrari, sia di Mattia Binotto. Una sorta di tutor del Cavallino anche sul fronte della politica sportiva, ma secondo il punto di vista di Elkann non c’erano i presupposti per iniziare a lavorare insieme.
È di tutta altra natura la mancata collaborazione con Valentino Rossi. Il campione di Tavullia, dopo il ritiro dalla MotoGp, aveva considerato la Ferrari come riferimento fondamentale per le corse GT. Però i contatti con Antonello Coletta non hanno prodotto il feeling desiderato, con l’ex pilota della Yamaha destinato a firmare con Audi.
Formula 1
Davide Brivio all'Alpine F1: sarà Racing Director
17/01/2021 ALLE 12:09

Ciao Raikkonen, l'ultimo campione del mondo della Ferrari

Formula 1
Valentino Rossi guiderà di nuovo una F1: userà la Mercedes di Hamilton in cambio della sua M1
09/03/2019 ALLE 13:42
Gran Premio d'Italia
Valentino Rossi: "Lorenzo In Yamaha? Qui sempre piloti molto forti, come Zarco"
31/05/2018 ALLE 16:03