In questa MotoGP ormai così imprevedibile tra gomme, meteo e decine di vincitori diversi in poche gare, c'è una unica certezza da ormai dieci anni: si chiama "Desmo". La potenza del motore della Ducati è una costante, una potenza mostruosa, che demolisce gli avversari sul rettilineo.
Questo strapotere oggi si è visto al Mugello, ma non basta solo quello per giustificare il fantastico successo di Andrea Dovizioso sulla pista di casa. Il Dovi fa la gara perfetta: guardingo nelle prime fasi, attacca nel momento giusto per poi allungare nelle ultime curve, battendo le Yamaha che, alla vigilia, sembravano averne di più.
La scelta delle gomme premia la moto di Borgo Panigale, medie per tutti i piloti. Lo dimostra anche il fantastico terzo posto di Danilo Petrucci, in lotta anche per il successo dopo essere partito nelle retrovie. Per Petrux un terza terza piazza dietro il solito e costante Maverick Viñales. Top Gun non vince, ma comunque allunga nel mondiale, sfruttando la giornata anonima della HRC e il quarto posto di Valentino Rossi.
MotoGP
Biaggi "Ricordo più positivo che negativo su Valentino Rossi"
03/12/2021 A 13:35
Il Dottore porta a casa il massimo per lui. Le condizioni fisiche non lo hanno certo aiutato, anche se battere queste Ducati, con queste gomme, era comunque impresa impossibile. Il lato positivo è che meno di una settimana fa era in ospedale, il lato negativo è che la leadership del mondiale si allontana sempre di più.
Male le Honda. Marquez arriva solo sesto dietro il fenomeno Bautista quinto. Pedrosa invece finisce a terra all'ultimo giro, portandosi dietro Cal Crutchow. Settimo quindi Zarco, poi Lorenzo, Pirro e Iannone.
E così per tutte e tre le classi suona l'inno di Mameli. Dopo i successi di Migno e Pasini, arriva il trionfo di Andrea Dovizioso in MotoGP. L'ultima tripletta era accaduta nel 2008.

Andrea Dovizioso gewinnt in Mugello

Credit Foto Getty Images

Tabellino

POSIZIONEPILOTAMOTODISTACCO
1Andrea DoviziosoDucati-
2Maverick ViñalesYamaha+1.281
3Danilo PetrucciDucati+2.334
4Valentino RossiYamaha+3.685
5Alvaro BautistaDucati+5.802
6Marc MarquezHonda+5.885
7Johann ZarcoYamaha+13.205
8Jorge LorenzoDucati+14.393
9Michele PirroDucati+14.880
10Andrea IannoneSuzuki+15.502

I 5 momenti della gara

- In partenza Rossi vola davanti a Viñales e ad un super Jorge Lorenzo che, poco dopo, si porta addirittura in testa. Quarto Dovizioso, poi Petrucci, Marquez, Pedrosa e Iannone.
- La leadership di Jorge dura poco, solo qualche tornata. Poi le Yamaha tornano davanti, con Top Gun primo e Rossi secondo. Dovizioso si attacca a Lorenzo e lo passa al quarto giro.
- Mentre Lorenzo crolla, le Ducati di Dovizioso e Petrucci si incollano alle Yamaha. Quinto sale Alvaro Bautista, anche lui con la Ducati, poi Marquez, Zarco, Lorenzo, Iannone e Pedrosa.
- Si arriva a metà gara con Dovizioso che attacca e passa Rossi, poco dopo Petrucci lo segue. Tre giri dopo Desmo-Dovi passa anche Viñales e va in testa.
- Gli ultimi giri vedono Dovizioso addirittura allungare. Petrucci passa Viñales e va secondo, ma poco dopo Maverick ritorna davanti e conquista la seconda posizione finale davanti a Petrux e Rossi. Quinto Bautista.

La statistica chiave

Dopo Stoner nel 2009, arriva il secondo successo della Ducati al Mugello. Mai un pilota italiana su una moto italiana aveva vinto il Gran Premio d'Italia in Top Class.

Il tweet da non perdere

Il migliore

Andrea DOVIZIOSO: Forse non tutti sanno che Dovizioso, insieme ad alcuni colleghi del team Ducati, stanotte è stato malissimo per una intossicazione alimentare dovuta alla cena del giorno prima. Una sfiga incredibile per il Dovi, che gli ha praticamente impedito di correre il warm-up. Fortunatamente per lui la moto comunque è competitiva, il motore è sempre il migliore e la scelta di gomme è indovinata. Guida da fenomeno, guardingo quando serve e feroce nel momento più giusto. Oggi non ce n'è per nessuno, è la sua giornata. Tra l'altro si porta in seconda piazza nel mondiale, può farlo un pensierino per il bersaglio grosso con questa moto.

Il peggiore

Dani PEDROSA: Era l'uomo più in forma della classe regina, inaspettatamente secondo nel mondiale. E invece cosa fa? Butta via tutto con una caduta già vista tempo addietro, portandosi dietro in terra anche l'incavolatissimo Cal Crutchlow. Voleva trasformare la sua immagine da buon pilota a uomo candidato al titolo, ma con la Honda non competitiva al Mugello rovina tutto dopo tre podi consecutivi.
CLASSIFICA: Dovizioso, Viñales, Petrucci, Rossi, Bautista, Marquez, Zarco, Lorenzo, Pirro, Iannone
MotoGP
Rossi: “Correrò in GT o in WEC. Non vedo l’ora di diventare papà”
01/12/2021 A 14:27
MotoGP
Razali: "Uno sbaglio ingaggiare Valentino. I giovani sono più veloci"
30/11/2021 A 13:26