E' Enea Bastianini il vincitore del Gran Premio di Francia, settimo atto del mondiale 2022 della MotoGP. Grandissima gara della Bestia che trionfa per la terza volta in stagione. Stupenda corsa di Enea, che parte guardingo e poi cambia marcia, battendo Jack Miller e Aleix Espargaro. Fabio Quartararo chiude mestamente quarto, mentre Pecco Bagnaia finisce nella sabbia mentre era al secondo posto. Andiamo a dare i voti ai protagonisti della corsa di Le Mans.

Le pagelle

Enea BASTIANINI Voto 10: Terza vittoria stagionale, sempre con lo stesso filone. Parte guardingo, poi pian piano aumenta il suo ritmo, recupera e si ritrova in testa. La caduta di Bagnaia gli regala la tranquillità finale. Successo netto di un rider fenomenale, bravissimo a sfruttare tutte le occasioni che si presentano. Con questo trionfo Enea si ritrova a -8 da Quartararo nella generale. Giustamente si può sognare, anche perché è l'unico che al momento ha vinto in stagione più di una gara.
Gran Premio di Francia
Cade Bagnaia, vince ancora Bastianini davanti a Miller! 4° Quartararo
15/05/2022 A 11:54
Jack MILLER Voto 7 e mezzo: Zitto zitto, Jack Miller chiude sul podio, mentre Bagnaia è a terra, come Jorge Martin che per la quinta volta su sette non finisce una gara. Ormai fuori dal box Ducati in direzione KTM, parte a fionda e rimane in testa per qualche giro, fino alla rimonta di Bagnaia e Bastianini. Con la caduta di Gofree su ritrova secondo sino al traguardo.
Aleix ESPARGARO Voto 8: Lo spagnolo sfrutta le tante cadute nelle posizioni di testa ed è per la terza volta di fila sul podio. Ormai è una certezza di questa stagione: la moto è competitiva su ogni tracciato, il pilota è in uno stato mentale assurdo e va forte sempre, in qualsiasi condizione e situazione. Oggi batte anche Quartararo, guadagnando punti nella generale. Il più vecchio dei fratelli Espargaro si ritrova addirittura a 4 punti dal Diablo.
Fabio QUARTARARO Voto 6: Incredibile Fabietto. Doveva vincere con una vita di vantaggio sugli altri, invece intruppato nel gruppo, fatica ad emergere con una Yamaha che in frenata non è perfetta. Non riesce quindi a fare neanche un sorpasso, rimanendo perennemente dietro ad Aleix. Però con le tante cadute davanti, nonostante la gara anonima è quarto al traguardo e tiene la vetta della classifica. Se il rivale per il campionato è sempre Bagnaia, oggi è un weekend positivo per il francese e si merita il sei, anche se stringato.
Marc MARQUEZ Voto 5 e mezzo: Forse con la pioggia avrebbe lottato per il successo. Invece l'acqua non arriva e la gara diventa una sorta di agonia. Si sperava comunque in una corsa migliore del Cabroncito, che termina lontanissimo dai primi e battuto anche da Zarco.
Francesco BAGNAIA Voto 5: Che peccato. Ad inizio gara sembrava essere una domenica di festa, poi si scatena l'uragano Bastianini e Gofree subisce il colpo, prima andando lungo e poi cadendo. Paga carissimo il nervosismo del momento con una caduta che non doveva accadere se voleva recuperare nella generale. Poche storie: troppi alti e bassi non portano al mondiale, mentre la costanza di rendimento sì, come fa Quartararo e Aleix. Il treno campionato non è ancora perso, ma diventa tutto più difficile, anche perché il morale è a terra.
Takaaki NAKAGAMI Voto 7: Chiude alle spalle di Marquez, un buon settimo posto che fa sicuramente morale dopo un inizio di stagione complesso per il giapponese. Sembra comunque tardi per trovare una moto per il prossimo anno, doveva svegliarsi prima.
KTM Voto 4: Weekend disastroso. Qualifiche difficili, gara ancora più complessa con tre dei quattro piloti finiti a terra. Binder salva il salvabile con l'ottavo posto.
YAMAHA Voto 4: Sui problemi di Quartararo bisogna indagare, certo è che se questa doveva essere una pista Yamaha, la casa giapponese è messa veramente male. Il campione del mondo chiude quarto solo grazie alle cadute degli altri, mentre Morbidellì è 15mo e Dovizioso ancora più indietro, lontani addirittura una trentina di secondi dalla vetta.
Alex RINS Voto 3: E' tornato il solito Alex, velocissimo ma anche troppo incline all'errore. La caduta arriva dopo poche curve quando era terzo. Un vero peccato, i sogni di mondiale, se mai ci fossero stati, vanno definitivamente in fumo.

Bastianini: "Tuffi? Ero bravo, ma sognavo la moto non i Giochi"

MotoGP
Marquez: "Vale la pena rischiare ancora? Per il titolo sì"
09/05/2022 A 15:54
MotoGP
Dorna avvisa Suzuki: "Addio a fine 2022? Non può decidere da sola"
03/05/2022 A 12:24