La condanna a 4 anni annunciata dalla Corte Arbitrale dello Sport ai danni del campione cinese di nuoto Sun Yang, per aver infranto il regolamento antidoping nel caso della famosa distruzione della provetta a un controllo, tanto sta facendo discutere.
Un verdetto che, nei fatti, ha fatto sfumare il sogno a Cinque Cerchi per Tokyo dell’asiatico ma, essendo il veto retrodatato a febbraio 2020, potrebbe permettere a Sun di essere al via delle Olimpiadi di Parigi nel 2024, all’età di 32 anni.
Un aspetto che è piaciuto poco a uno dei grandi personaggi del nuoto mondiale, ovvero l’asso della rana Adam Peaty. Sui suoi canali social, Peaty si è espresso in questi termini:
Nuoto
Quadarella 2ª a un soffio dalla vittoria nei 400 sl a Doha
21/10/2021 A 20:08
Una buona notizia per l'integrità dello sport e dei Giochi, ma avrebbe dovuto essere una squalifica a vita. Ha compiuto numerose violazioni, anche senza considerare l’aver preso a martellate i campioni di sangue.
Secondo dunque il ranista del Regno Unito non potevano essere ammessi sconti in un caso del genere. Da capire, a questo punto, se la carriera di Yang sia davvero conclusa o se avrà la forza di tornare per Parigi.

Martinenghi in ESCLUSIVA: Tokyo, Peaty, Inter, social

Nuoto
Quadarella: "Dopo i 1500 ero disperata, ma ho reagito"
07/10/2021 A 13:57
Tokyo 2020
Paltrinieri: "A Tokyo è stata dura, ma ne sono uscito bene"
06/10/2021 A 12:56