È andata in archivio la prima giornata degli Assoluti Primaverili di nuoto in vasca lunga, di scena a Riccione. Nell’impianto romagnolo un day-1 nelle quale nuotatori e nuotatrici si sono messi in particolare evidenza, in un contesto importante visto che oltre al successo nazionale erano in palio i pass per i Mondiali 2022 a Budapest (Ungheria) e gli Europei di Roma.
Partiamo da Benedetta Pilato e i suoi 100 rana. La pugliese ha ottenuto la qualificazione alla rassegna iridata e continentale con il successo in 1:05.70 ad appena 3 centesimi dal primato italiano di Arianna Castiglioni, stabilendo comunque il nuovo record nazionale “Cadetti”. L’azzurra con un incedere molto convinto ha preceduto proprio Castiglioni (1:06.17), qualificata anche lei ai Mondiali, e Lisa Angiolini (1:06.82), mentre ha concluso solo al quinto posto Martina Carraro (1:07.78).
Nuoto
Trials USA: quarto sigillo di Dressel e Ledecky a Greensboro
01/05/2022 A 09:16

De Tullio e Galossi scatenati

Ancora spettacolo nei 400 stile libero uomini dove la nouvelle vague si è fatta strada. Si perché il classe 2000 Marco De Tullio ha ottenuto il successo in 3:44.47 (qualificazione ai Mondiali e agli Europei) mettendosi alle spalle il compagno di allenamenti Lorenzo Galossi, straordinario per la sua giovane età. L’azzurrino, infatti, ha firmato il nuovo record italiano “Ragazzi”, nuovo primato europeo junior e soprattutto la qualificazione ai Mondiali in 3:45.93. Due riscontri che valgono la vetta nel ranking mondiale a entrambi. Impressionante soprattutto il miglioramento di Galossi, che ha tolto al suo best time di stamane quasi cinque secondi. Terzo Gabriele Detti (3:46.12), distante dai suoi migliori crono.

Quadarella da sballo

Negli 800 stile libero, con il crono di 8:24.23, Simona Quadarella ha vinto il titolo tricolore degli 800 sl donne, guadagnandosi la partecipazione ai Mondiali di Budapest. Per Quadarella doppia soddisfazione, tenuto conto anche del pass per gli Europei di casa in una gara nella quale a completare il podio sono state Martina Caramignoli (8:31.03) e Giulia Salin (8:34.58).

QUADARELLA: "LA MEDAGLIA È BELLISSIMA: ORA CI RIPROVERÒ""

Nei 50 dorso uomini Michele Lamberti ha centrato il successo in 24.95 e lo ritroveremo a Roma, mentre nei 200 farfalla uomini grande vittoria di Giacomo Carini. L’allievo di Matteo Giunta ha vinto 1:55.43, precedendo Alberto Razzetti (1:55.79) e Federico Burdisso (1:56.16), bronzo olimpico. Il tempo limite per i Mondiali non è stato conquistato (1:55.20) e colpisce il riscontro di Burdisso non al top della condizione evidentemente, pagando molto nell’ultima vasca.
Nei 400 misti orfani di Ilaria Cusinato, Sara Franceschi non è andata oltre il 4:40.13 e si deve accontentare essenzialmente della qualificazione agli Europei, visto che la toscana per andare a Budapest avrebbe dovuto nuotare un crono da 4:37. Infine nei 50 stile libero maschili, affermazione di Luca Dotto in 21.86 davanti a Lorenzo Deplano (21.87) e a Lorenzo Zazzeri (22.04). Solo quarto Alessandro Miressi (22.23). Il 21.70, tempo per i Mondiali, è stato solo sfiorato e Dotto si è guadagnato la qualifica agli Europei di Roma.

PILATO, ESORDIO BEFFA: SQUALIFICATA NELLA BATTERIA DEI 100 RANA

Nuoto
La FINA sospende per 9 mesi l'oro olimpico Rylov perché pro Putin
22/04/2022 A 21:32
Nuoto
Fangio sigla il nuovo record italiano nei 200 rana in vasca corta
14/04/2022 A 15:45