''Il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto contenente le norme che sanciscono l'autonomia del Comitato Olimpico Nazionale Italiano. Ora l'ultima parola spetta al Parlamento in sede di conversione. Per la lunga e gloriosa storia sportiva e democratica del nostro Paese era improbabile che l'Italia venisse così duramente sanzionata già domani, ma la decisione di oggi fuga ogni dubbio e risolve il problema dell'indipendenza del Coni lasciato aperto dalla riforma del 2019''.

Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, affida ad una nota il commento sul cosiddetto "Decreto Cio", approvato martedì mattina, in extremis, dal Consiglio dei Ministri e che ha restituito autonomia al Coni. Un provvedimento che evita all'Italia la figuraccia di presentarsi ai Giochi di Tokyo senza bandiera e inno di Mameli.

Giochi Olimpici
La torcia olimpica è pronta a partire: al via il 25 marzo
IERI A 10:52

Thomas Bach, presidente Cio

Credit Foto Getty Images

Malagò: "L'autonomia è salva". Bach: "Sono felice"

Il presidente del Comitato olimpico nazionale, Giovanni Malagò, ha immediatamente chiamato il numero uno del Cio, Thomas Bach, per comunicargli la notizia. "La legge è ok, l'autonomia è salva". "Sono molto felice", la replica del dirigente tedesco.

Tokyo 2020
Bolla nel villaggio olimpico per la cerimonia d’apertura
23/02/2021 A 14:33
Tokyo 2020
Mancano 150 giorni a Tokyo 2020, tra speranze e incertezze
23/02/2021 A 10:17