Il 22 ottobre comincia la 57ª edizione della Coppa del Mondo di sci alpino e, come da diversi anni a questa parte, i fari saranno puntati (anche) su Mikaela Shiffrin. La statunitense arriva da una stagione estremamente probante dal punto di vista emotivo, segnata da alti bassi a tratti clamorosi. Da un lato l'impronosticabile "zero" alla voce medaglie in un'Olimpiade di Pechino che doveva essere trionfale, dall'altro il quarto successo in classifica generale, il primo dalla morte dell'amato papà Jeff. Lei insegue l'equilibrio, ma anche la quinta Sfera di cristallo, obiettivo per il quale parte da favorita. E proprio dei suoi programmi per l'annata alle porte ha parlato la nativa di Vail in un'intervista rilasciata a Team Usa.

Shiffrin conquista la Coppa del Mondo! Rivivi il Super G decisivo

Sulla preparazione

Lake Louise
Shiffrin non ci sarà in Canada: obiettivo Sestriere
IERI ALLE 16:00
"Nel periodo di preparazione, sia primaverile che estivo, ho avvertito meno situazioni fuori dal mio controllo rispetto agli anni precedenti. Io rendo al massimo quando tutto è al suo posto e posso dire di aver concluso il camp in Cile con un allenamento di gigante davvero perfetto. È bello quando avverti una sensazione e una fluidità di quel tipo al termine di un lungo lavoro".

Su Sölden

Ovviamente Shiffrin comincerà le sue fatiche a Sölden, gigante che ha già vinto due volte in passato (nel 2014 e la stagione scorsa). E in Austria si troverà di fronte tutte le avversarie principali per il bersaglio grosso: da Petra Vlhova a Lara Gut-Behrami, passando per la pattuglia italiana. "Per l'opening è sempre difficile capire a che livello ti trovi, anche rispetto alle avversarie. Di certo sarò un po' nervosa e al tempo stesso eccitata".

Sulle gare che disputerà

Nel 2021/22, Shiffrin ha messo la pietra tombale sulla classifica generale grazie alla vittoria nella discesa e al secondo posto nel Super G di Courchevel, ma nella seconda parte di stagione ha limitato le sue presenze nella gare veloci. Un approccio che dovrebbe cambiare in questa annata: "Avvicinandomi alla fine della mia carriera, cerco di essere intelligente sulle scelte che faccio. Si può dire con certezza che farò un po' di lavoro in velocità, ma più che altro punterò a qualche gara di Super G e vedere dove potrò inserire la discesa". Per il momento, però, è certa la sua assenza nel debutto della velocità in programma a Zermatt/Cervinia il 5 e 6 novembre.

Kilde-Shiffrin, che tenerezza! L'abbraccio dopo il traguardo

Lake Louise
Prime gare veloci per le donne, debutta Goggia: il programma
IERI ALLE 15:35
Beaver Creek, CO
Uomini-jet a Beaver Creek: il programma, Paris ci riprova
IERI ALLE 15:06