La XXIV edizione dei Giochi olimpici invernali si disputa dal 4 al 20 febbraio 2022 a Pechino, facendo della capitale cinese la prima città ad ospitare sia la rassegna a cinque cerchi estiva che quella dedicata agli sport su neve e ghiaccio. Saranno presenti atleti di 15 sport diversi, per un totale di 109 eventi ad assegnare le medaglie. Questo è il quadro completo dello sci di fondo, con gare in programma, calendario, orari, cenni storici e alcune curiosità. Tutte le gare sono disponibili in versione integrale su Eurosport e Discovery+.

PyeongChang 2018: Federico Pellegrino è d'argento, la sua gara perfetta

Sede ed eventi in programma

Pechino 2022
Pellegrino: "Per domare Klaebo vivo in Svizzera e seguo Jacobs"
26/11/2021 A 10:23
Le gare di sci di fondo sono in programma dal 5 al 20 febbraio al Kuyangshu Nordic Center di Zhangjiakou, località situata a circa 180 chilometri a nord-ovest di Pechino. Gli eventi in programma sono dodici, sei per genere, come era stato anche a PyeongChang 2018.

Qualificazione

Alle gare di sci di fondo a Pechino 2022 può partecipare un numero massimo complessivo di 296 atleti, 148 per genere. La Cina, in quanto Paese ospitante, ha diritto a quattro posti per genere se non si dovesse essere qualificata in precedenza. Un Comitato olimpico nazionale può convocare un massimo di 16 atleti e un massimo di 8 atleti per genere, ma in ogni singola gara può schierare al massimo quattro atleti e una sola squadra nelle staffette. Vengono considerati due standard di punteggio: A) chi ha ottenuto meno di 100 punti FIS nelle gare distance al 17 gennaio 2022 può essere schierato in qualsiasi gara. B) chi ha ottenuto tra i 300 e i 100 punti FIS al 17 gennaio 2022 nelle gare distance può essere schierato nella 15 km (uomini) o 10 km (donne) e nelle staffette; chi ha ottenuto tra i 300 e i 100 punti FIS al 17 gennaio 2022 nelle gare sprint può essere schierato nella sprint e nella team sprint.

Wierer, Shiffrin, Klaebo, Hanyu: le 10 stelle più attese

Calendario

5 febbraio, alle 15.45*: skiathlon femminile (7,5 km tc** + 7,5 km tl)
6 febbraio, alle 15: skiathlon maschile (15 km tc + 15 km tl)
8 febbraio, dalle 16: sprint maschile tl e sprint femminile tl
10 febbraio, alle 15: 10 km femminile tc
11 febbraio, alle 15: 15 km maschile tc
12 febbraio, alle 15.30: staffetta femminile 4x5 km
13 febbraio, alle 15: staffetta maschile 4x10 km
16 febbraio, dalle 17: team sprint maschile tc e team sprint femminile tc
19 febbraio, alle 14: 50 km maschile tl
20 febbraio, alle 14:30: 30 km femminile tl
*si fa sempre riferimento all'ora locale, avanti di 7 ore rispetto al fuso italiano
** tc = tecnica classica, tl = tecnica libera

Storia

Lo sci di fondo è una delle discipline storiche delle Olimpiadi invernali, essendo presente nel programma fin dall'edizione inaugurale di Chamonix 1924. Inizialmente erano riservate solo agli uomini, mentre le donne hanno fatto il loro debutto a Oslo 1952. Fino al 1984, le medaglie conquistate in sede olimpica valevano anche per i Mondiali. I format di gara sono cambiati nel corso degli anni e l'unico evento a resistere fin dagli albori è la 50 km maschile. Le staffette hanno visto la luce nel 1936, mentre le sprint sono un'introduzione moderna, avendo debuttato a Salt Lake City 2002. La tecnica libera, invece, è una novità portata per alcune gare a partire da Calgary 1988. La Norvegia domina l'albo d'oro perpetuo con 121 medaglie, tra cui 47 ori, 42 argenti e 32 bronzi. La norvegese Marit Bjørgen è l'atleta con più podi tra gare individuali e a squadre (15, record assoluto nella storia delle Olimpiadi invernali) e prima a pari merito per ori (8) insieme al connazionale Bjørn Dæhlie. L'Italia è sesta nel medagliere complessivo con 35 podi: 9 ori, 13 argenti e 13 bronzi. I successi sono arrivati grazie a Franco Nones (30 km, Grenoble 1968), Stefania Belmondo (30 km ad Albertville 1992 e 15 km a Salt Lake City 2002), Manuela Di Centa (15 km e 30 km a Lillehammer 1994), la staffetta maschile 4x10 km (a Lillehammer 1994 con Maurilio De Zolt, Marco Albarello, Giorgio Vanzetta e Silvio Fauner e a Torino 2006 con Fulvio Valbusa, Giorgio Di Centa, Pietro Piller Cottrer e Cristian Zorzi), Gabriella Paruzzi (30 km a Salt Lake City 2002), Giorgio Di Centa (50 km, Torino 2006).

Manuela Di Centa: "Olimpiadi, grande occasione per tanti atleti"

Pechino 2022
PyeongChang 2018: Federico Pellegrino è d'argento, la sua gara perfetta
27/10/2021 A 11:03
Pechino 2022
Johaug rinuncia al Tour de Ski: "Mi allenerò per Pechino"
26/10/2021 A 15:30