Parte con due spiacevoli episodi la vigilia degli Australian Open. Dopo il caso di Andy Murray, rimasto a Londra in attesa di un tampone negativo in tempo utile per il via dell'8 febbraio, 47 giocatori sono stati messi in isolamento dopo che su due dei charter organizzati appositamente dal torneo, decollati da Los Angeles e Abu Dhabi, sono stati riscontrati tre casi di positività al Covid. In particolare sull'aereo arrivato a Melbourne dagli USA un membro dell'equipaggio e l'allenatore di Lauren Davis, Edward Eliot.

Chi va in isolamento?

Australian Open
Covid, la positività di Murray diventa un "caso di Stato"
15/01/2021 A 13:18
Per ora sono emersi i nomi, tra gli altri, di Sandgren, Azarenka, Davis, Nishikori, Cuevas, Stephens, Pella, Londero, González e Sitak sul primo volo e Kerber, Kuznetsova, Yastremska, Jabeur, Kostyuk, Andreescu, Bencic, Sakkari, Kontaveit, Badosa e Cirstea sul secondo. Non è, invece, coinvolto Gianluca Mager, reduce dai quarti di Delray Beach, partito da LA con un altro volo. I giocatori sono in isolamento e dovranno rimanere per 14 giorni nella loro camera d’albergo all'interno della bolla di Melbourne, senza ovviamente potersi allenare.

Le parole del direttore del torneo, Craig Tiley

"Sappiamo che non immaginavate che la vostra preparazione sarebbe iniziata in questo modo, ma la nostra squadra è pronta a supportarvi e a farvi superare tutto questo. Ciò che dovete sapere ora è che non siete da soli e siamo qui per fornirvi tutto il supporto che vi serve".

Allarme rientrato nella bolla di Adelaide

In mattinata si era diffusa la notizia di un caso di positività su un terzo volo, questa volta diretto ad Adelaide, dove sarà "allestita" un'altra bolla per la top3 ATP e WTA (ma anche Jannik Sinner, in coppia con Rafa Nadal). Secondo il giornalista Jannik Schneider, il preparatore atletico di Krajinovic (che si allenerà con Djokovic) era risultato positivo. Tuttavia, come ha precisato il giornalista serbo Sascha Ozmo (molto vicino all'entourage del Djoker), un test sierologico ha certificato solo la presenza di anticorpi contro il Covid. I giocatori presenti sul volo non dovranno, dunque, sottoporsi all'isolamento e potranno svolgere la preparazione come previsto dal protocollo. Lo ha confermato un tweet dell'account ufficiale del torneo.

Francesca Jones oltre il limite: dal no dei medici a Melbourne

Australian Open
L'arrivo di Djokovic, Nadal e Berrettini: ora la quarantena
15/01/2021 A 11:30
Australian Open
Eurosport e Australian Open: insieme per altri 10 anni
07/09/2021 A 08:09