Danilo Gallinari non avrà un ruolo da titolare negli Atlanta Hawks bensì sarà la riserva di John Collins, una delle due giovani stelle della franchigia assieme a Trae Young. A dirlo chiaramente è Travis Schlenk, general manager degli Hawks: "Quando abbiamo parlato con Danilo e i suoi rappresentanti abbiamo messo in chiaro subito quale sarebbe stato il ruolo per cui stava firmando, cioè essere la riserva di John Collins. Ne era consapevole quando ha preso la sua decisione. Cerchiamo di essere sinceri con tutti i nostri ragazzi: lui sapeva per cosa stava firmando, perciò è così che ci aspettiamo di cominciare".
E’ arrivato il Black Friday su Eurosport! Accedi alla nostra incredibile offerta e goditi tutti gli eventi di basket nel 2021 scontati del 50% sul prezzo annuale!
NBA
Il 18 ottobre apre Warriors-Lakers, poi GSW-Memphis a Natale
IERI A 08:53
Parole chiare, dirette, essenziali quelle di Schlenk su Gallinari che con Atlanta ha firmato un contratto di 3 anni per 61.5 milioni di dollari complessivi. Inoltre, secondo The Athletic, la cifra non è interamente garantita: infatti il terzo anno del suo accordo triennale è coperta per 5 dei 21.4 milioni previsti nel 2022-23, questo significa che gli Hawks (o alla squadra che lo acquisirà in futuro via trade) avranno la possibilità di tagliarlo senza garantirgli tutti i soldi dovuti.
Quando abbiamo parlato con Danilo abbiamo messo in chiaro subito che sarebbe stato la riserva di John Collins. Ne era consapevole quando ha preso la sua decisione
A questo punto della carriera, Danilo è perfetto per giocare da "4" sia in attacco, dove può sfruttare la grande pericolosità al tiro da fuori ma anche in post basso, sia in difesa, dove andrebbe a marcare avversari non troppo rapidi e veloci: il punto è che in quel ruolo gli Hawks hanno John Collins, giovane e atletica ala che nell'ultima stagione ha viaggiato a quasi 22 punti e 11 rimbalzi di media e con cui Atlanta deve estendere il contratto. Il GM Schlenck non ha dubbi sulla bontà dell'aggiunta di Gallinari al roster: "Lui apprezza questa situazione in cui può essere di aiuto ai più giovani. Lo ha già fatto a Oklahoma City e prima ai Clippers, non c'è una singola persona in NBA che abbia qualcosa di brutto da dire sul Gallo. Lo abbiamo messo nel mirino da subito e fortunatamente siamo riusciti a prenderlo".

Da Rusconi a Mannion, i giocatori italiani in NBA

NBA
Gobert ai Twolves in un mega scambio, LaVine resta ai Bulls
01/07/2022 A 21:36
NBA
Golden State non molla Nico Mannion, proposta una qualifying offer
29/06/2022 A 13:48