Il calcio italiano è atteso da una svolta epocale nella prossima stagione: nel triennio 2021-2024 lo streaming dominerà sulla pay tv. L'ufficialità è arrivata alla fine dell'assemblea dei club di venerdì nel primo pomeriggio: Dazn sarà il broadcaster ufficiale del campionato. Per la prima volta dalla sua nascita, quindi, Sky non gestirà il pacchetto della Serie A. La scadenza delle offerte era fissata per il 29 marzo, ma la maggioranza già da giovedì si era ormai schierata in favore del colosso inglese e degli 840 milioni messi sul piatto, l’offerta più ricca (Sky ha offerto 90 milioni in meno). Una rivoluzione che avrà un impatto su tutti gli amanti del pallone e per gli addetti ai lavori. Proviamo a schematizzare gli effetti del nuovo accordo.

La probabile spartizione dei pacchetti

Dazn: tutte e 10 le gare della giornata (7 in esclusiva, 3 in co-esclusiva)
Serie A
Sette società chiedono le dimissioni del presidente Dal Pino
19 ORE FA
Sky o Mediaset: co-esclusiva delle altre 3 partite (tra cui match del sabato sera)

Sky pronta a fare ricorso, e Mediaset...

E' rinviata a lunedì la decisione sulle 3 gare in co-esclusiva (ovvero il Pacchetto 2). L'offerta iniziale di 70 milioni di Sky potrebbe non bastare. Ma c'è di più: secondo le ultime indiscrezioni per lo stesso pacchetto ci sarebbe un forte interesse di Mediaset. In ogni caso, stando a quanto riportato da Mf Dow Jones, il gigante delle telecomunicazioni fondato da Rupert Murdoch starebbe valutando di fare ricorso.

Pirlo: "Scudetto? Gli obiettivi restano gli stessi"

Serie A
Ibra: “Io al ristorante? Non ero a pranzo ma a un meeting”
IERI A 21:44
Serie A
Lukaku: "Scudetto? Abbiamo fame, lavoriamo duro per arrivarci"
IERI A 19:39