Con 7 partite giocate e 4 gol fatti, Olivier Giroud sta trascinando il Milan in testa al campionato. Anche se la strada è ancora lunga e il derby è alle porte (appuntamento a domenica 7 novembre), il numero nove rossonero ha presentato così la partita:
"Partita importante perché mandare l’Inter a dieci punti non sarebbe male, anche se c’è ancora tanto da giocare. Diciamo che sarà una gara fondamentale ma non decisiva e il Milan ha le armi per vincerla. Certo, l’avversario è molto forte, però se giochiamo come sappiamo possiamo vincere. Siamo il Milan e abbiamo sette punti in più, qualcosa vorrà pur dire. Dobbiamo avere molta fiducia in noi stessi. Rispettare l’avversario non significa averne soggezione. L’avversario che temo di più? Lautaro è pericoloso ma l’Inter ha tanti giocatori di alto livello e il collettivo è molto buono. Però abbiamo il destino nelle nostre mani. Se facciamo quello che sappiamo fare, possiamo vincere."

Milan, Giroud atterra a Linate: pollice in su e prime foto

Serie A
Il Milan si gode Giroud: la 9 rossonera è un po' meno tabù
27/10/2021 A 10:26
Calatosi perfettamente nel nuovo ambiente, Giroud ha voluto raccontare anche la scelta di venire al Milan:
"Nella carriera di un calciatore e nella vita ci sono i momenti giusti per fare le cose giuste. Il Milan è stata la scelta migliore per me. Io e la mia famiglia stiamo benissimo a Milano: la gente è gentile, ha tanta passione per il calcio, si vive bene. Il tempo libero non è molto e con quattro figli sono un papà molto impegnato. Accompagno uno dei miei figli a calcio, la figlia a equitazione... Ci stiamo godendo la città e spesso vengono a trovarci parenti e amici, visto che Grenoble è vicina. Abbiamo visitato il Duomo che è bellissimo, siamo stati al lago di Como e abbiamo fatto un bel giro in barca."
E su Ibrahimovic:
"Andrò a vedere il suo film. Ibra ha una personalità interessante, sono curioso di conoscere meglio la storia della sua vita. Che rapporto ho con Zlatan? Normale, come con tutti gli altri compagni di squadra. Ibra è una persona piacevole e molto disponibile nelle spogliatoio, parla con i compagni, è molto presente ed è un gran professionista. Abbiamo un buon dialogo. Forse all’esterno appare diverso, un po’ più, come dire, concentrato su se stesso, ma non è affatto così con chi lavora con lui ogni giorno. Ibra e Giroud insieme? Possiamo essere complementari, almeno in alcune partite. Per ora Pioli sta facendo altre scelte, ma spero di poter giocare di più insieme a Zlatan in futuro."

Pioli: "Aver recuperato Ibrahimovic è importantissimo"

L'attaccante francese chiude con una battuta sullo scudetto:
"E perché non dovrei crederci? In campionato stiamo andando veramente bene, giochiamo un buon calcio e abbiamo molte diverse possibilità. Siamo una squadra giovane che crescerà in fretta: conoscevo le qualità di Leao, ma il suo talento visto da vicino è veramente incredibile. Non conoscevo invece Tonali, che mi ha impressionato per volume di gioco e qualità. E poi ci sono ragazzi come Gabbia e Daniel Maldini che diventeranno grandi in fretta."

Giroud, visite mediche finite: ora la firma con il Milan

Serie A
Giroud: "Al Milan il peso della storia. Shevchenko era il mio idolo"
15/10/2021 A 09:30
Serie A
Milan, rebus Ibra-Giroud: giusto cambiare un attacco che funziona?
12/10/2021 A 10:52