Inter-Sampdoria, match dell'ultima giornata di Serie A 2021/2022 decisivo nella lotta scudetto, è terminato sul punteggio di 3-0. Rete di Perisic e della doppietta di Correa, accade tutto nel secondo tempo dopo i primi 45 minuti con le gambe tremolanti. La gara è stata arbitrata dal signor Marco Di Bello. Un risultato che non basta ai nerazzurri per laurearsi campioni d'Italia, dato che pure il Milan cala il tris a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Si chiude al secondo posto con 84 punti la stagione dei nerazzurri. Qui di seguito i voti ai protagonisti della partita per capire l'andamento della gara.
Serie A 2021-2022, la classifica aggiornata | Serie A 2021-2022, calendario e risultati | Serie A 2021-2022, la classifica marcatori aggiornata

Le pagelle dell'Inter

Calcio
"Il nuovo Meazza? Lavori entro fine 2023, altrimenti ognuno per sé"
IERI A 08:48
Samir HANDANOVIC 6 - Guanti come puliti dopo gli ultimi 90’ di disperata rincorsa verso lo scudetto, come volevasi dimostrare. Può riutilizzarli la prossima stagione.
Milan SKRINIAR 6 - Sventa in maniera un po’ goffa l’unica minaccia dentro la sua area, nei primi istanti del match. Da lì in poi mai più chiamato all'appello.
Stefan DE VRIJ 6 - Ordinaria amministrazione in campo. Scende poco prima che la difesa abbassi la guardia a risultato già ipotecato (dal 73’ Andrea RANOCCHIA 5,5 - Subentra in una fase in cui l'Inter non gioca più e lascia fare ai blucerchiati. Pasticcia un po').

Stefan De Vrij amareggiato, Inter-Sampdoria, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Alessandro BASTONI 6 - Lavoro più offensivo che difensivo, come doveva fare in uno scenario del genere (dal 60’ Federico DIMARCO 6 - poca consistenza, i nerazzurri avevano già chiuso il match).
Denzel DUMFRIES 5,5 - Irrigidito ad inizio match, come se avesse il braccino corto dalla paura. Tuttavia ci mette del suo con una bella sponda aerea per Correa, che però non concretizza. Cala nella ripresa.
Nicolò BARELLA 6,5 - Simbolo della paralisi dell’Inter nel primo tempo, nella ripresa è tutta un’altra pasta. Serve il 12° assist in campionato, mica male.
Marcelo BROZOVIC 5,5 - Primo tempo impreciso negli ultimi passaggi, sintomo di quanto l’emozione possa prendere il sopravvento persino su uno dei principali trascinatori della squadra fino a sfiorare lo scudetto.
Hakan CALHANOGLU 6,5 - A centrocampo è uno dei più precisi nel gelido primo tempo. Suo l’assist del secondo gol, e fanno 12 anche per lui.
Ivan PERISIC 7,5 - Ci mette un cross dietro l’altro, ma finché la porta resta stregata c’è poco da fare. Così decide di pensarci lui a sbloccarla. Nonostante l’addio in nerazzurro ormai sempre più annunciato, dimostra un attaccamento alla maglia incredibile fino all’ultimo minuto (dal 59’ Robin GOSENS 6 - entra in un momento in cui la partita ha già preso una piega, poco impegnato).
Joaquin CORREA 7,5 - Calhanoglu lo aiuta a sbloccarsi e da quel momento si lascia andare. Torna al gol (e alla doppietta) dopo quasi sette mesi. Ritrovato, peccato che sia l'ultima.

Joaquin Correa, Inter-Sampdoria, Getty Images

Credit Foto Getty Images

LAUTARO MARTINEZ 7 - Sue le occasioni più pericolose in un primo tempo da brutti presentimenti. Più sfortuna che imprecisione quella che gli impedisce di segnare nell’ultima di campionato. Uno degli ultimi ad abbandonare il San Siro, in lacrime. Chiude una stagione da più di 20 gol (dal 73’ Felipe CAICEDO s.v.).
Allenatore Simone INZAGHI 6 - L'Inter crea ma non brilla nel primo tempo. Dà una scossa negli spogliatoi, ma i verdetti erano già scritti ormai.

Le pagelle della Sampdoria

Emil AUDERO 6,5 - Per forza di cose è l’uomo più impegnato della partita tra i blucerchiati, ma non perde mai la concentrazione. Dominatore dell’area piccola e interventi magici finché l’Inter non dilaga.

Emil Audero, Inter-Sampdoria, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Bastosz BERESZYNSKI 4,5 - Apre un’autostrada al gol che sblocca l’incontro, saltato come un come un cono tra una corsia e l’altra della carreggiata. Identiche colpe sul raddoppio.
Alex FERRARI 5 - Resiste all’assedio nerazzurro fino all’intervallo, poi si sbriciola.
Maya YOSHIDA 5,5 - Muro su cui si infrangono le conclusioni dei nerazzurri nei primi 45 minuti. Voragine nella seconda metà del match (dal 78’ Giangiacomo MAGNANI s.v.).
Tommaso AUGELLO 6 - Partecipa alla strenua resistenza blucerchiata nel primo tempo, addirittura tenta un contropiede.
Antonio CANDREVA 6 - Spaventa i nerazzurri due volte nel giro di mezz’ora. L’unico propositivo in attacco. Non che alla Samp si chiedesse di fare la partita (dal 63’ Mikkel DAMSGAARD 5,5 - prova ad entrare nel match con una conclusione dal limite. Nient'altro).
Morten THORSBY 6 - poco sul pezzo, ma non commette guai. Quello che gli veniva chiesto in una partita del genere (dal 62’ Simone TRIMBOLI 6 – serve un interessante pallone morbido per Caputo pochi minuti dopo l’ingresso in campo. Speriamo di rivederlo con più costanza dalla prossima stagione).
Ronaldo VIEIRA 6 - Gestisce bene il possesso blucerchiato, in fase difensiva fa un po' di pressing.
Tomàs RINCON 5,5 - Tanta lotta a centrocampo, ma rischia anche di perdere possessi decisivi.
Abdellhamid SABIRI 6 - Garra a non finire in difesa, stende chiunque vede. Negli ultimi 20 minuti si fa vedere anche in attacco, dimostrando le sue doti a chi ancora non l’avesse conosciuto. Arrivato dalla B a gennaio, piacevole rivelazione.
Francesco CAPUTO 5 - Stoico il fatto di rispondere presente all’ultima chiamata della stagione nonostante i problemi al piede. Sampdoria quasi assente in attacco, lui chiaramente invisibile.
Allenatore Marco GIAMPAOLO 5,5 - Terminata una stagione complicata, con una salvezza raggiunta all'ultimo respiro, resta un dubbio: quale valore aggiunto ha portato a questa rosa?

Inzaghi: "Handa e Perisic? La continuità è mio desiderio"

Calciomercato
Zaniolo: Roma e Juve cercano la formula; Dybala: l'Inter c'è sempre
IERI A 07:23
Serie A
Marotta: "Serve una rosa lunga, un bene affrontare subito il Milan"
IERI A 16:53