Dopo un 4° posto raccolto ad Ancona all'Adriatico Tour e un 15° posto a San Fior al 7° Trofeo Comune di San Fior, Fabio Aru continuerà a cimentarsi nel ciclocross con il Cross di Cremona del 3 gennaio. Un giorno importante perché farà anche l'esordio con la nuova maglia della Qhubeka-Assos che, dalle prime voci, gli darà occasione di disputare altre corse di ciclocross in stagione.
Anzi, visto il grande impatto mediatico che ha avuto Fabio Aru nel ritorno al ciclocross si pensa già ad un suo coinvolgimento nella Nazionale italiana di Fausto Scotti. Anzi, il ct - ad una recente intervista a Tuttobici - ha auspicato che Aru possa partecipare ad altre corse oltre il 3 gennaio, per raggiungere una forma accettabile tanto da poter essere convocato per i Mondiali del 30 e 31 gennaio che si disputeranno ad Ostenda in Belgio.
Ad oggi sembra comunque una mission impossibile, considerando il parterre dei Mondiali che vedrà coinvolti corridori come Iserbyt, Pidcock, Aerts, van der Poel e van Aert. Bisognerà considerare la volontà del sardo e l'eventuale semaforo verde che dovrà concedere la Qhubeka-Assos. A metà gennaio, infatti, è previsto il ritiro della squadra sudafricana per preparare la stagione su strada, ritiro che vedrà anche la presenza di Fabio Aru.
Ciclocross
Aru in Nazionale? Il ct dell'Italia di ciclocross lo aspetta
29/12/2020 A 21:54

Aru, giornata nera: si stacca, manda a quel paese la moto e si ritira

Ciclocross
Fabio Aru e il debutto con la Qhubeka Assos: c'è la data
28/12/2020 A 13:17
Ciclocross
Fabio Aru riparte dal ciclocross, 4° ad Ancona
27/12/2020 A 16:07