Cala il sipario sullo "strano" weekend di Suzuka, con qualifiche e gara nella stessa giornata per mettere al riparo la gente dal tifone Hagibis. A vincere è il buon Valtteri Bottas al terzo successo stagionale, davanti a Vettel e Hamilton.
Partiamo subito dal via. La Ferrari, dopo la fantastica doppietta in qualifica, rovina tutto in partenza: Seb in pole fa jump start, poi si ferma e riparte perdendo tanto tempo. Anche Leclerc non brilla al via e in curva 1 si tocca pure con Verstappen, danneggiando la vettura. Ne approfitta il finlandese della Mercedes che beffa entrambe le rosse e si porta in testa. Bottas poi è bravissimo a gestire la gara con un gran ritmo, per poi vincere in solitaria. Dopo il secondo posto di Sochi Valtteri torna davanti a tutti, il successo gli mancava addirittura da Baku.
Secondo Seb. Il tedesco rovina tutto in partenza, perdendo la leadership dopo pochi metri. In verità la Rossa dopo la fantastica pole dimostra di non avere il passo della Mercedes e bada per lo più ad amministrare le gomme. Nel finale poi è bravo a tenere dietro un arrembante Hamilton e vietare la doppietta tedesca.
GP Giappone
Le pagelle: Vettel e Leclerc rovinano tutto con la partenza. Mercedes e Bottas perfetti
13/10/2019 A 08:04
Chiude il podio Hamilton. Lewis si ritrova in testa verso metà gara, complice una strategia differente rispetto agli altri, orientata "forse" su una sosta sola. Nel finale però il team decide di farlo rientrare ai box per il secondo pit e quindi l'inglese si ritrova terzo dietro a Vettel. Parte all'inseguimento del tedesco, ma il sorpasso non arriva. Comunque per la Mercedes arriva il titolo costruttori con quattro gare d'anticipo.
Quarto un buon Albon, poi Sainz, Ricciardo e Leclerc. Per il monegasco gara difficile: come detto parte male, si tocca con Verstappen ed è costretto a rientrare ai box per cambiare l'ala anteriore. Da qui parte una bella rimonta, chiusa però in settima piazza, per colpa di una penalità di 15" inflitta dai commissari per il contatto con Verstappen, anche per colpa di una strategia di difficile comprensione su tre soste.
Poco da dire: le qualifiche avevano mostrato una Rossa paurosa dopo un venerdi difficile. Sembrava tutto facile per la Ferrari, in gara i valori in campo sono tornati gli stessi delle libere e quindi la Mercedes vince sulla Ferrari. Peccato per una partenza veramente negativa per entrambi i piloti, ma il passo era certamente migliore quello della scuderia tedesca.

I 5 momenti della gara

- Doveva essere una gara in discesa per la Ferrari, invece i due piloti rovinano tutto in partenza. Vettel si muove poco prima dello spegnimento dei semafori, poi rallenta e riparte. Anche Leclerc non parte bene e così ne approfitta Bottas che in un colpo solo passa le due Ferrari. Secondo Seb, contatto Charles con Max con l'olandese che finisce nelle retrovie mentre Leclerc si ritrova con l'ala danneggiata e deve rientrare ai box. I due sono under investigation.
- Bottas quindi è in testa, poi Vettel sotto investigazione per Jump Start, Hamilton, Sainz e Albon. Leclerc con gomma gialla recupera dalle retrovie, Verstappen invece si ritira con una vettura troppo danneggiata. La direzione gara un po' sorprendentemente decide di non penalizzare Vettel per la falsa partenza e di indagare sul contatto Leclerc-Verstappen dopo la gara.
- Vola Bottas, male Vettel che perde tanto tempo e così decide di rientrare ai box al giro 17 e mettere ancora la rossa, andando sulle due soste. Nel giro dopo entra Valtteri che mette la gialla. Hamilton quindi va in testa, non entra sino alla tornata 22 e anche lui è sulla gialla. Quindi dopo il primo pit Bottas è primo con 10 secondi di vantaggio su Vettel e ben 19 su Hamilton, che però potrebbe essere su una sosta sola.
- Al 32mo giro entra Vettel che mette gomma gialla. Bottas quindi è primo davanti a Hamilton, ma c'è l'incognita su che strategia farà la Mercedes. Bottas pitta al giro 38, Hamilton rimane fuori. Leclerc intanto recupera salendo in sesta piazza.
- Dopo tante chiacchiere nel team radio, Hamilton entra ai box a 10 giri dalla fine, mettendo gomma rossa e partendo all'inseguimento di Vettel. Bottas è primo indisturbato. Lewis attacca Seb nel finale: gli ultimi giri sono thriller, ma Vettel rimane davanti a Hamilton. Quarto Albon, poi Sainz e Leclerc.

La statistica chiave

Miglior giro in gara di Lewis Hamilton, tempo che resisteva addirittura dal 2005. Sesto mondiale costruttori consecutivo per la Mercedes. Eguagliato il record della Ferrari nell'epoca Schumacher 1999-2004

La dichiarazione

Sebastian VETTEL: "Ho commesso un errore in partenza. Le Mercedes poi erano veramente molto veloci oggi. Bottas volava. Lewis invece nel finale sapevo mi avrebbe raggiunto. Ho cercato di tenerlo dietro e sono riuscito a fare secondo. Non so se sarei riuscito a vincere senza lo sbaglio al via, non avevamo il passo della Mercedes. Nel complesso comunque è una buona giornata".

Il tweet da non perdere

Il migliore

Valtteri BOTTAS: Parte a fionda e li vince li la corsa. Dal giro due tiene un ottimo ritmo e riesce a tenere a debita distanza Vettel. La strategia della squadra ferma Hamilton per la seconda sosta e per lui è strada libera per la vittoria. Oggi veramente tutto perfetto per lui.

Il peggiore

ALFA ROMEO: è la scuderia più in calo in questa seconda parte di stagione. O meglio, Iceman aveva tirato la squadra in tutte le prime gare con prestazioni fantatiche, ora Kimi è venuto meno e Alfa ne risente. Oggi male anche Giovinazzi. Il muretto prova la mossa disperata di usare la gomma media ma l'azzardo non paga.
GP Giappone
GP di Giappone in Diretta tv e Live-Streaming
11/10/2019 A 17:27
GP Giappone
Bottas: "Giornata positiva, sono molto soddisfatto della vettura"
11/10/2019 A 11:06