La Ferrari ha concluso il GP di Miami 2022 con il secondo posto di Charles Leclerc e la terza piazza di Carlos Sainz. I due piloti del Cavallino Rampante sono riusciti a salire sul podio della quinta tappa del Mondiale F1, ma sono stati battuti dallo scatenato Max Verstappen.
Il monegasco, scattato dalla pole position, ha dovuto chinare il capo al cospetto dell’olandese nel primo stint su gomme medie e poi con le hard e nel finale, dopo l’ingresso della safety car, non è riuscito a piazzare l’attacco. Lo spagnolo, invece, partito dalla seconda piazzola, ha perso la posizione in partenza a beneficio di Verstappen e poi nel finale è stato bravo a contenere Sergio Perez.
Mattia Binotto, team principal della Ferrari, ai microfoni di Sky Sport non nasconde il proprio disappunto per un risultato che, viste le premesse non può soddisfarlo fino in fondo: "C’è un po’ di amarezza perché si prova sempre a vincere. La Red Bull è stata più veloce nelle ultime due gare: sono due decimi, ma sono più veloci di noi. Loro hanno sviluppato tanto e hanno anche speso, la mia speranza è che poi si fermino visto che la disponibilità (economica, ndr) è quella. Noi speriamo che gli sviluppi che avremo a Barcellona saranno sufficienti".
GP Miami
Ferrari contenta per metà, Leclerc: "Passo gara più lento"
08/05/2022 A 22:27

"Lotta dura e campionato lungo. Ecco cosa vedrete a Barcellona..."

"La lotta è dura, il campionato è lungo. Ho sempre detto che i primi bilanci si potevano fare dopo cinque gare. Siamo in testa ai due Mondiali, ora paghiamo due decimi di ritardo al giro dalla Red Bull. Ci sono tante gare e tanta voglia di gare. Charles e Carlos hanno lavorato tanto, abbiamo la miglior coppia dei piloti della pit-lane e sono soddisfatto. Leclerc ha fatto una bellissima gara, Sainz si è saputo riprendere e oggi si è difeso molto bene su Perez. La velocità sul dritto è importante, serve a difendersi e attaccare. Oggi loro andati forte anche sulle curve come noi e avevano quel vantaggino sul rettilineo. Ora la speranza è che rallentino sullo sviluppo. Barcellona sarà una pista da massimo carico, non sarà più un tema di velocità sul rettilineo. Noi porteremo sviluppi, un’ala carica: vedremo chi la spunta. Porteremo sviluppi a Barcellona, ci siamo concentrati fin da inizio anno su questo pacchetto. Vedremo se funziona, è il solito dubbio degli ingegneri: se si comporta bene è un bel pacchetto".

Il sorpasso di Max Verstappen su Charles Leclerc al 9° giro, F1 Gp Miami, Getty Images

Credit Foto Getty Images

"La velocità sul dritto è importante, serve a difendersi e attaccare. Oggi loro andati forte anche sulle curve come noi e avevano quel vantaggino sul rettilineo. Ora la speranza è che rallentino sullo sviluppo. Cosa mi attendo a Barcellona? Barcellona sarà una pista da massimo carico, non sarà più un tema di velocità sul rettilineo. Noi porteremo sviluppi, un’ala carica: vedremo chi la spunta. Porteremo sviluppi a Barcellona, ci siamo concentrati fin da inizio anno su questo pacchetto. Vedremo se funziona, è il solito dubbio degli ingegneri: se si comporta bene è un bel pacchetto. Oggi si porta a casa che Verstappen andava due decimi più veloce al giro. Oggi sono stati più veloci loro: non di tanto, ma di quei due decimi. Sono pochi, dunque c’è speranza di recuperarli presto e di giocarcela già alla prossima occasione".

Leclerc-Verstappen, le tappe del dualismo che infiamma la nuova F1

GP Miami
Verstappen trionfa a Miami su Leclerc e Sainz. Bis Ferrari sul podio
08/05/2022 A 21:14
GP Miami
Leclerc: "Mondiale piloti? Con Red Bull sarà battaglia dura. Dobbiamo..."
09/05/2022 A 09:39